sabato 21 gennaio | 17:15
pubblicato il 27/nov/2011 16:07

Pdl/ Ritorna Berlusconi: raddoppierò impegno contro comunisti

Ma vuole ruolo "dietro le quinte". Il Pdl pubblico sarà Alfano

Pdl/ Ritorna Berlusconi: raddoppierò impegno contro comunisti

Roma, 27 nov. (askanews) - Era un fiume in piena, Silvio Berlusconi, quando dal palco di Verona, stamattina, ha tirato fuori tutto il repertorio da campagna elettorale e ha evocato ancora una volta la minaccia dei "comunisti", corredato dallo scenario cupo di uno Stato di polizia tributaria. "Per questo siamo stati, siamo e saremo in campo: per garantire la libertà dei nostri figli". Con al fianco un fido alleato, la Lega, con la quale il legame è "solido, nonostante il governo tecnico. Saremo insieme - ha annunciato l'ex premier - anche alle prossime amministrative". Insomma, Silvio Berlusconi non è uno da mollare il colpo. Anzi, costretto all'angolo, ha provato a uscirne con una serie di gancioni. "Raddoppierò l'impegno per quanto l'organizzazione del partito - ha detto il Cavaliere - e per il nostro futuro e per la vittoria che dobbiamo conseguire siamo in ottime mani", facendo chiaro riferimento ad Angelino Alfano, che gli aveva appena ceduto la parola. "Stiamo già lavorando per disporci capillarmente in tutta Italia - ha poi spiegato ancora Berlusconi - e per creare dei team elettorali in tutte le sezioni, arrivando dappertutto attraverso Internet". "Siamo convinti - ha aggiunto Berlusconi - che i nostri valori sono i migliori per la famiglia. Siamo convinti che la sinistra non sia matura, che il partito democratico, figlio o nipote del Pci, non sia un partito social-democratico. Noi siamo convinti che lo Stato deve essere al servizio del cittadino. Loro credono il contrario. Per questo dobbiamo continuare a combattere per la nostrà libertà". Un intervento però insolitamente breve, quello di Berlusconi, che ha preferito ritagliarsi un ruolo "dietro le quinte", come lui stesso ha detto, e che ha restituito la parola ad Angelino Alfano, il "futuro" in "buone mani" del Pdl. E il segretario ha ringraziato smontando il teorema che la crisi dei mercati, dell'euro, dell'Europa e del dollaro dipendesse dal solo Berlusconi. E che, rimosso l'ex premier, la tempesta si sarebbe calmata.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
M5s
Ue, Grillo: Alde? Si vergogni chi si è rimangiato la parola data
Fi
Fi: sostegno Berlusconi a Prodi? Accuse Salvini paradossali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4