domenica 19 febbraio | 20:36
pubblicato il 09/lug/2011 19:54

Pdl/ Primarie fanno discutere, tra entusiasti e dubbiosi

A Mirabello partito 'festeggia' ritorno Urso e Ronchi

Pdl/ Primarie fanno discutere, tra entusiasti e dubbiosi

Roma, 9 lug. (askanews) - Primarie sì, primarie no. E' il primo nodo che il neosegretario politico del Pdl si troverà a sciogliere. La proposta lanciata ieri a Mirabello proprio da Angelino Alfano ha aperto nel partito un dibattito che ha diviso i dirigenti tra entusiasti e dubbiosi: c'è chi, come Roberto Formigoni, le invoca innanzitutto per la scelta del nuovo candidato leader e chi invece ritiene, come Ignazio La Russa, che almeno i dirigenti debbano essere indicati dagli iscritti, infine c'è chi, come Denis Verdini, invoca prudenza perchè rischiano di diventare una "buffonata". Tra i big del Pdl insomma le primarie hanno suscitato reazioni divergenti. Altero Matteoli rivendica addirittura di essere "da sempre contrario alle primarie" che "finora in Italia non sono state altro che la dimostrazione di una debolezza dei partiti" e "spesso sono primarie barzelletta". Le chiede con insistenza e quanto prima, già a settembre, il governatore della Lombardia, Roberto Formigoni perchè "c'è crisi della politica, la gente si allontana, bisogna riconquistarla". Altro sostenitore convinto delle primarie è Gianni Alemanno che chiede anche di fissarle per legge. Opinione non condivisa dal coordinatore Denis Verdini: "Le primarie sono una grande buffonata se regolate per legge, ma siamo aperti a tutte le verifiche". Più articolata la posizione dell'altro coordinatore, Ignazio La Russa secondo il quale "le primarie, come dice la parola stessa, servono 'prima' delle elezioni per scegliere il miglior candidato. E' un metodo non infallibile ma che mi piace e che, con regole certe, dovremo seguire nel Pdl" ma quando si tratta di scegliere "i dirigenti locali o nazionali di un partito, è giusto far scegliere solo agli associati, cioè gli iscritti". Riunito a Mirabello per la festa della libertà il Pdl intanto festeggia il 'ritorno' di Adolfo Urso, Andrea Ronchi e Pippo Scalia, che oggi hanno ufficializzato l'uscita da Fli. Tante le dichiarazioni dei dirigenti del Pdl, a cominciare dal segretario Alfano, per manifestare l'apprezzamento, interpretandolo come un segnale del fallimento del progetto di Fli, da un lato, e della possibilità di aprire quella costituente popolare per un nuovo centrodestra come annunciato da Alfano e Berlusconi. Di segno opposto la reazione dentro Fli sintetizzabile con le parole di Aldo Di Biagio: "Ma non erano già andati via?".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, ultima trattativa con Emiliano su primarie dopo comunali
Pd
Cuperlo a Renzi: scendi da auto, non fare 'Gioventù bruciata'
Pd
Renzi si dimette da segretario Pd, ora candidature o congresso
Pd
Il Pd avvia il congresso, direzione per fissare percorso
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia