sabato 10 dicembre | 08:55
pubblicato il 19/apr/2012 21:30

Pdl/ Pesa dejavu fronda, Cav non vuole perdere terreno a centro

Iniziativa di Pisanu. Partito 'minimizza' ma restano sospetti

Pdl/ Pesa dejavu fronda, Cav non vuole perdere terreno a centro

Roma, 19 apr. (askanews) - Fronda. Era da mesi che non se ne sentiva parlare. Almeno da sei, da quando ogni sommovimento era buono per aprire una crepa nel governo Berlusconi. Come è finita è noto. E ora, con l'esecutivo dei tecnici a guidare il Paese, all'interno del Pdl la parola fronda torna ad affacciarsi. C'è un'iniziativa: una lettera firmata da 29 senatori, in cui sostanzialmente si chiede di "andare oltre" e "rinnovare e riaggregare i partiti". E sa di dejavu soprattutto il nome del capofila, Beppe Pisanu, da tempo considerato tra i suoi colleghi di partito pronto all'abbraccio con Fini e Casini. Che non a caso sono tra i primi a commentare con entusiasmo il documento, suscitando più di qualche sospetto tra i pidiellini. Simmetrica, dunque, la reazione del partito di via dell'Umiltà. Tace, come spesso accade, Angelino Alfano. Ma è tutto un fiorire di dichiarazioni dei vertici del Pdl che tentano di 'ridimensionare' l'effetto mediatico della lettera e spiegare che, in fondo, quello che chiede Pisanu e né più né meno che il percorso che il segretario ha già da tempo avviato verso la creazione di una costituente popolare in Italia. I firmatari a raffica intervengono per ribadire che non si tratta di un'iniziativa ostile verso l'attuale dirigenza. Eppure a via dell'Umiltà l'allarme rosso è scattato, a cominciare - appunto - dal sospetto che quello di Pisanu sia un giochetto 'democristiano' fatto in sintonia con i due leader del Terzo polo. A onor di cronaca, delle sue intenzioni l'ex ministro dell'Interno aveva già parlato non più di tre settimane fa con il Cavaliere e, ancora più recentemente, qualche giorno fa. In pratica invitandolo a darsi una mossa perchè lo scenario in vista delle politiche è in movimento e bisogna cercare di conquistare quello spazio al centro in cui potrebbe germogliare il cosiddetto partito della Nazione piuttosto che quello dei Professori. Tema assolutamente ben chiaro agli occhi del Cavaliere che ha ascoltato con attenzione sebbene ormai dal 2006 non annoveri Pisanu tra i suoi migliori amici. D'altra parte, più volte recentemente Berlusconi ha ripetuto di aver ancora tentato di lusingare Casini offrendogli la futura poltrona di presidente della Repubblica ma di aver ricevuto in risposta un no perchè - racconta - c'è già un disegno che vede il leader Udc d'accordo con Bersani per andare a elezioni a ottobre e mandare così il Pdl a 'schiantarsi', visti anche i pessimi sondaggi. E l'annuncio della nascita del Partito della Nazione non è stata che una conferma. E' evidente infatti che un'accelerazione verso il voto potrebbe far deflagrare l'equilibrio precario all'interno del Popolo delle libertà, velocizzando l'avvicinamento verso il rassemblement di centro di quella buona parte del partito che non disdegnerebbe di 'mollare' l'ala ex An. Non a caso in tutte le dichiarazioni ufficiali di esponenti Pdl si sottolinea come nessuna iniziativa di costituente popolare potrebbe essere presa senza la loro egida. In più il Cavaliere, che continua a ripetere che il governo di Mario Monti deve proseguire fino alla fine della legislatura proprio per contrastare uno scenario che lo colga 'impreparato' (cioè prima che abbia dato vita a un nuovo soggetto o a un listone civico), osserva con sospetto le ambizioni politiche di Corrado Passera. Ed è con l'obiettivo di valutare i possibili argini al ministro dello Sviluppo economico, che Berlusconi ha incontrato a inizio aprile Luca Cordero di Montezemolo che, dopo la lunga serie di stop and go, sarebbe davvero pronto a scendere in politica non appena sarà chiaro quando sarà scoccata l'ora delle elezioni.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Tosi al Colle: incarico a una figura dal profilo internazionale
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina