domenica 04 dicembre | 18:02
pubblicato il 11/mag/2013 13:27

Pdl: Grillo, oggi marcetta Berlusconi su Brescia contro magistrati

Pdl: Grillo, oggi marcetta Berlusconi su Brescia contro magistrati

(ASCA) - Roma, 11 mag - ''Nel pomeriggio dell'11 maggio 2013, un condannato a quattro anni di evasione fiscale in secondo grado, fara' la sua marcetta su Brescia in piazza del Duomo contro la magistratura. I giudici hanno il torto di giudicarlo, per lui dovrebbero voltarsi dall'altra parte come il pdmenoelle o rimanere silenti come le statue di sale delle Istituzioni. Ma, purtroppo per Al Tappone, giudicare e' il loro mestiere e i tribunali della Repubblica non sono ancora stati privatizzati. Non un fiato da Capitan Findus Letta, non un sospiro dai vertici del pdmenoelle in nome della ''pacificazione''. Una parola usata per nascondere l'immondo mercimonio di un governo che rimane in piedi perche' sostenuto da un condannato per i suoi fini personali''. E' quanto scrive Beppe Grillo sul suo blog, in un post dal titolo ''La marcetta su Brescia''.

''Napolitano ha detto che ''Bisogna fermare la violenza verbale prima che si trasformi in eversione''. A Milano con l'occupazione del Palazzo di Giustizia da parte dei nominati da Berlusconi in Parlamento l'eversione e' gia' avvenuta.

Politici contro magistratura. Non ricordo un sussurro da parte del capo del Csm. Forse era distratto in nome della governabilita'. La ''violenza verbale'' e' consentita se a protezione dello statista Berlusconi che, magnanimo, mantiene in vita il governo'', aggiunge Grillo, secondo cui ''e' da vent'anni, da Tangentopoli, dalle stragi del '92-'93, che la magistratura supplisce in parte alla Fine della Politica avvenuta con la Seconda Repubblica. E' una fiamma sempre piu' debole, addomesticata da leggi ad castam, da un'informazione faziosa alla quale ogni diffamazione e' permessa, da un presunto realismo nel cui nome si e' persino giustificata la trattativa Stato-mafia. Per questo governo i magistrati sono un impiccio, un ostacolo alle Grandi Intese, colpevoli di mettere in discussione la pax sociale, irresponsabili. ''Lo Stato non puo' processare se' stesso'', diceva Leonardo Sciascia. E oggi Berlusconi e' lo Stato''.

red/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari