martedì 17 gennaio | 06:40
pubblicato il 16/lug/2012 05:10

Pdl/ dubbi sul futuro e caso Minetti, il partito fibrilla

Alfano chiede dimissioni. E colonnelli temono lista Silvio

Pdl/ dubbi sul futuro e caso Minetti, il partito fibrilla

Roma, 16 lug. (askanews) - E' bastato l'annuncio e il Pdl è tornato a fibrillare come non accadeva da mesi. Silvio Berlusconi scende in campo, il partito cambia nome e simbolo, un gruppo di 'consiglieri' del Cavaliere procede per strappi: tutto serve ad accrescere la confusione in via dell'Umiltà, mentre l'ex premier resta in silenzio osservando la tensione salire oltre il livello di guardia. Ieri, a rendere il clima ancora più infuocato, ci ha pensato Angelino Alfano, chiedendo le dimissioni entro lunedì di Nicole Minetti da consiglio regionale della Lombardia. E' l'ultima domanda dell'intervista di Maria Latella, il segretario risponde con un secco "sì" a chi gli chiede dell'ipotesi di dimissioni dell'ex igienista dentale. In realtà, già nei giorni scorsi era trapelata la volontà del Cavaliere di chiedere un passo indietro a Minetti, proprio alla luce della scelta di tornare a competere per Palazzo Chigi. Lei aveva smentito di aver ricevuto una richiesta in tal senso, oggi il segretario ha riacceso la miccia. Una posizione accolta con imbarazzo dallo stato maggiore del partito: nessuna dichiarazione da parte dei big di via dell'Umiltà. Ma è il futuro del Pdl ad angosciare i dirigenti. Ed è soprattutto l'atteggiamento del Cavaliere a far riflettere. Sempre più big ritengono che dietro il silenzio del Capo si celi la volontà di dare spazio a suoi consiglieri come Santanché e Vittorio Sgarbi, o a personaggi come Diego Volpe Pasini. L'idea che allarma in queste ore una parte consistente dei colonnelli è sempre la stessa: un listone, ispirato a Forza Italia (il progetto è stato ribadito anche oggi da Santanché), capitanato da Berlusconi e pronto a ospitare volti nuovi e giovani della politica. Il Pdl, secondo questo schema, si ridurrebbe a un guscio vuoto, pronto a ospitare i principali dirigenti di via dell'Umiltà. A sostenere il ritorno in campo di Berlusconi sarebbero anche altre liste, tematiche, di 'amici di Silvio'. I colonnelli del Pdl si agitano, chiedono a Berlusconi di stoppare le sortite di chi parla a suo nome, ma da Arcore non arrivano segnali o risposte pubbliche. Alfano, dal canto suo, osserva. Ammette di vivere "giorni turbolenti", ma prova a tranquillizzare il partito: "Attorno a Berlusconi non c'è nessun cerchio magico. Non ne ha bisogno, non ha bisogno. Attorno a lui da sempre c'è una squadra. Maria Rosaria Rossi? Svolge una collaborazione, con una certa efficacia. Io ricandiderei Maria Rosaria Rossi perché è una brava parlamentare". Provando anche a motivare la scelta di non opporre resistenza al ritorno del Cav: "Tra l'ambizione e la riconoscenza metto prima la riconoscenza, l'ambizione non è il motore che muove il mio essere in politica".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello