martedì 06 dicembre | 13:45
pubblicato il 08/nov/2013 11:11

Pdl: Cicchitto, no a partito gestito da nucleo autoritario e estremista

(ASCA) - Roma, 8 nov - ''I cortesi amici del Pdl-Fi che ieri hanno legittimamente contestato, visto che non le condividevano, alcune mie osservazioni a loro volta non mi hanno convinto malgrado la ricchezza delle loro argomentazioni. Torno sui due punti politici decisivi.

Continuo a ritenere un gravissimo errore che il Pdl-FI faccia cadere il governo, a maggior ragione se lo facesse proprio come ritorsione ad una dichiarazione di decadenza di Berlusconi da parte della maggioranza del Senato. Dobbiamo contestare in tutti i modi questa decisione e anche l'indicazione della Giunta Elezioni per il voto palese, dobbiamo continuare a combattere l'uso politico della giustizia contro Berlusconi, ma faremmo un pessimo servizio allo stesso Berlusconi se mettessimo in contrapposizione la battaglia garantista e la governabilita'''. L ha affermato in una nota Fabrizio Cicchitto, deputato del Pdl. Quanto poi alla legge di stabilita' ''dobbiamo batterci per migliorarla, ma anche questa battaglia non puo' essere strumentale per la caduta del governo. Purtroppo - ha osservato - il vero nodo della politica economica non sta in Italia, ma in Europa, con il vincolo del 3% e con una politica restrittiva, adesso contraddetta dalle ultime decisioni della BCE che pero' non risolvono il problema.

Infatti c'e' un'impostazione di fondo di tipo restrittivo che distingue l'Europa dagli Usa e dal Giappone. Orbene su questo terreno dobbiamo costruire una posizione autonoma del centro-destra italiano che deve essere fondata su un revisionismo europeistico contrapposto al populismo antieuropeo del movimento a cinque stelle e di altri e distinto e distante dalle impostazioni recessive della linea tedesca''.

Ad ogni modo, secondo Cicchitto, ''dobbiamo rimanere solidamente nel PPE e non creare le condizioni politiche e statutarie per esserne esclusi. In questo quadro l'altro grande nodo politico e' costituito dal partito. In discussione non e' la sigla, fra il Pdl e Forza Italia, ma la sostanza. Non e' accettabile un partito nel quale tutti i poteri siano concentrati in una sola persona e che poi esso sia gestito e controllato da un nucleo insieme autoritario ed estremista. Bisogna coniugare insieme la guida carismatica di Berlusconi, con la democrazia interna, specie in presenza di divergenti posizioni politiche. Infine - ha concluso - non va fatto a Renzi e al PD il favore di provocare la crisi del governo''.

com-brm/sam/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Alfano: pronostico elezioni anticipate a febbraio
Governo
Capigruppo Fi: impraticabile congelare crisi governo Renzi
Governo
Mattarella congela Renzi e attende Pd, crisi dopo la manovra
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Mantegna contro Margherita: la pizza cambia nome e si veste d'arte
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Luci di Natale: come smaltire quelle vecchie e tutelare l'ambiente
Scienza e Innovazione
AsiaHaptics 2016, Università di Siena premiata per guanto robotico
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni