sabato 25 febbraio | 02:23
pubblicato il 12/nov/2013 10:52

Pdl: Cicchitto, clima di scontro. In dubbio nostra partecipazione a Consiglio nazionale

Pdl: Cicchitto, clima di scontro. In dubbio nostra partecipazione a Consiglio nazionale

(ASCA) - Roma, 12 nov - ''Nelle ultime ore c'e' stata la radicalizzazione dello scontro da parte di fuochisti, lealisti e falchi, per cui sembra che venga meno le condizioni per un dibattito sereno. Aggiungo anche che non e' chiaro l'ordine del giorno e neanche il contesto nel quale una riunione cosi delicata dovrebbe svolgersi. Ecco dunque che i dubbi sulla nostra partecipazione'' al Consiglio nazionale di sabato ''sono meritevoli di approfondimento''. Lo ha chiarito il deputato del Pdl Fabrizio Cicchitto che, intervistato da 'Il Mattino', e' intervenuto sul dibattito interno al Pdl. ''Non si tratta di scippo'' del partito, ma ''si tratta del fatto che c'e' una parte del partito - parlamentari, consiglieri regionali, sindaci etc - che si riconosce nelle posizioni di Alfano. In ogni caso e' assolutamente sbagliato fare quest'accelerazione ai danni del governo''. Questo anche perche' ''se si va ad elezioni immediate il centrosinistra e' gia' pronto con Renzi e noi invece non abbiamo un candidato, visto che Alfano non e' condiviso da una parte del partito. Ma se poi non si va al voto le cose non sono meno gravi: da un governo amico si passerebbe ad un governo ostile, nel quale il Pdl non c'e'. E allora mi chiedo: che senso ha questa accelerazione?''. Quanto alla sorte politica toccata a Gianfranco Fini, ricordata nei giorni scorsi da Berlusconi, Cicchitto ha spiegato che ''quella vicenda non c'entra niente. Innanzitutto perche' noi restiamo ancorati allo schieramento di centrodestra, ma anche perche' noi non siamo parte marginale del partito'' visto che ''stiamo a 300 firme, delle quali ben 50 appartengono ad esponenti della Direzione: non e' poco. Difficilmente torneremo a Canossa, siamo convinti della bonta' della nostra linea di sostegno al governo e di fedelta' a Berlusconi''. Alfano: ''Confidiamo sempre che movimento resti unito''.

''Noi confidiamo e speriamo sempre che il nostro movimento politico resti unito e siamo consapevoli che il presidente Berlusconi sia vittima di una grave ingiustizia giudiziaria''. Cosi' il vicepremier e segretario del Pdl Angelino Alfano, arrivando a Verona per la firma di alcuni protocolli sulla sicurezza. ''Il presidente Berlusconi si e' comportato sempre come uomo di Stato - ha aggiunto Alfano -. Sono convinto che questa sia la linea che piu' ha premiato e piu' continuera' a premiare''. int/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Ncd
Alfano: i moderati tornino uniti contro il populismo
Governo
Guerini: assurdo legare data primarie Pd a elezioni politiche
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech