venerdì 02 dicembre | 23:21
pubblicato il 05/nov/2013 14:37

Pdl: Carfagna, leadership Berlusconi induscussa e indiscutibile

Pdl: Carfagna, leadership Berlusconi induscussa e indiscutibile

(ASCA) - Roma, 5 nov - ''Adesso nel Popolo della liberta' e in Forza Italia dopo la leadership di Silvio Berlusconi indiscussa e indiscutibile''. Lo afferma la portavoce del gruppo Pdl alla Camera Mara Carfagna, nell'ultimo editoriale di 'ThinkNews', il quotidiano online che dirige.

''Indiscussa - spiega Carfagna - perche' e' stata conquistata a suon di voti. Milioni di milioni di italiani in venti anni hanno sempre dato fiducia a un uomo che incarna un'idea di societa' e di Stato condivisi, nel nostro Paese, dalla maggioranza dei cittadini. Indiscutibile, perche', ad oggi nessuno ha dimostrato tanto nelle urne, quanto in Parlamento di possedere un carisma cosi' forte e decisivo da giustificarne la successione diretta''.

E a tal proposito, evidenzia Carfagna ''bisogna fare chiarezza su questo specifico aspetto. Fino a quando Silvio Berlusconi sara' in campo ogni discussione e' fuori luogo, inutile e destabilizzante, soprattutto per il nostro elettorato. Al momento, fino a prova contraria, non solo e' in campo ma ha anche la fascia da capitano. E in una squadra non esistono, ne' possono convivere, due capitani. Se e quando Silvio Berlusconi decidera' di 'appendere le scarpette al chiodo', allora e solo allora sara' possibile discutere di successione''.

''Tuttavia, e' bene fin da adesso sottolineare - avverte l'esponente del Pdl - che bisogna scindere le due figure di candidato alla Presidenza del Consiglio del centrodestra e segretario o presidente di Forza Italia. Nel primo caso la decisione dovra' essere demandata ai nostri elettori e lo strumento delle primarie e' certamente quello piu' idoneo. Il vertice del partito, invece - prosegue -, non puo' che essere scelto dall'unico organo deputato a farlo: l'assise congressuale, preceduta da quelle locali. In un partito adulto a guidare ogni scelta non puo' che essere il principio legato alla rappresentanza effettiva nei territori. Pertanto - conclude Carfagna - sarebbe auspicabile che le due figure non coincidano, rappresentando esigenze e momenti decisionali diversi''.

com-ceg

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari