martedì 21 febbraio | 15:32
pubblicato il 16/set/2013 13:56

Pdl: Brunetta, a chi giovano divisioni per ambizioni personalistiche?

(ASCA) - Roma, 16 set - ''Mentre il Partito democratico vede all'opera l'Asfaltatore Renzi, constato che l'irresponsabilita' del sindaco di Firenze trova incauti epigoni anche nel Popolo della Liberta'. A chi giova infatti l'azione privata e pubblica di personaggi che usano la vicinanza vera o presunta al presidente Berlusconi per fomentare divisioni risibili tra falchi e colombe credendo di averne improbabili vantaggi? Ben altra compattezza e unita' chiede questo tempo in cui alla crisi economica si somma l'amputazione della democrazia''. Lo dichiara in una nota Renato Brunetta, presidente dei deputati del Pdl.

''La volonta' giudiziaria e politica di eliminare il leader di dieci milioni di italiani richiede di accantonare ambizioni personalistiche il cui esercizio oggi porta munizioni ai nemici di Berlusconi e del nostro Paese. Questo vociare da comari e compari golosi di predilezioni e di incarichi deve finire al piu' presto'', conclude Brunetta.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Rossi: io già fuori dal Pd, spero Emiliano sia conseguente
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia