lunedì 05 dicembre | 11:27
pubblicato il 26/nov/2012 20:58

Pdl/ Berlusconi vuole spacchettamento e convoca ex An ad Arcore

Cavaliere vorrebbe Santanchè in 'nuova Destra'. Alfano al bivio

Pdl/ Berlusconi vuole spacchettamento e convoca ex An ad Arcore

Roma, 26 nov. (askanews) - Angelino Alfano sarebbe pronto ad abbandonare Berlusconi: oggi avrebbe detto: "Indipendentemente da quello che farà Berlusconi, io resto nel Pdl con Fitto, Lupi e Frattini e facciamo le primarie". Il problema è che con ogni probabilità non finirà così. Perché mentre il segretario tesse, Berlusconi disfa. Nel pomeriggio - riferiscono i ben informati - il Cavaliere scavalca Angelino, chiama ad Arcore Ignazio La Russa e gli propone di ricostruire la destra assieme a Storace e, novità dell'ultima ora, anche Daniela Santanché. E' la fotografia di un partito allo sbando che può contare su un'unica certezza: l'ex premier ha stabilito la necessità di uno spacchettamento. Salvo cambi di programma che vanno sempre messi in conto, dunque, giovedì (ri)nascerà Forza Italia. Con ogni probabilità attraverso un video messaggio. L'ex premier l'ha detto anche con toni veementi poche ore fa: "Me ne vado io prima che mi caccino loro". Una provocazione che dimostra però l'ineluttabile destino del Pdl, che andrebbe sostituito nelle intenzioni di Silvio da una nuova Forza Italia, posta alla sinistra di un'aggregazione di destra. Certo, se il Cavaliere fosse stato più discreto l'effetto sorpresa sarebbe stato pressoché devastante: prima un ufficio di presidenza in cui annunciare le dimissioni dal Pdl, quindi lo spot sul ritorno al 'vecchio amore'. Ma l'ex premier non ha saputo mantenere il segreto e a questo punto i contorni del progetto restano in bilico. Alfano sta lottando con tutte le sue forze per mantenere in vita il Popolo delle libertà, anche se difficilmente di fronte a un rilancio di Berlusconi potrebbe davvero decidere di non seguirlo. Come lui, la stragrande maggioranza dei massimi dirigenti azzurri. Il progetto dello spacchettamento resta però in bilico soprattutto perché Meloni e Gasparri, Alemanno e La Russa non sembrano convinti che rinchiudersi in un recinto di destra con Storace risulti conveniente. Meglio sarebbe, secondo alcuni di loro, dar vita a una forza di centrodestra capace di accogliere anche ex gli azzurri che non seguirebbero il Cav. A suggellare lo schema - e garantire i colonnelli - sarebbe una grande alleanza elettorale simile a quella del 2006.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari