domenica 19 febbraio | 16:03
pubblicato il 18/gen/2012 20:47

Pdl/ Berlusconi tra falchi e colombe.Ipotesi larghe intese 2013

Letta e parte ex Fi favorevoli, ma ala dura: Al voto subito

Pdl/ Berlusconi tra falchi e colombe.Ipotesi larghe intese 2013

Roma, 18 gen. (askanews) - Ieri sera, summit del Pdl a Palazzo Grazioli. Linee diverse che si confrontano e si scontrano, qualcuno pronuncia anche l'impronunciabile. 'Unità nazionale' è la parola chiave, larghe intese anche dopo il 2013. Un'idea lanciata da Gianni Letta e non del tutto invisa ad altri azzurri presenti al vertice. Una suggestione avversata invece dagli ex aennini, convinti invece della necessità di archiviare il prima possibile l'esperienza del governo Monti. Silvio Berlusconi ascolta, annuisce, mostra di capire le ragione dei 'falchi' ma di fronte alle critiche mosse da qualcuno sulla necessità di proseguire nel sostegno a un governo sostenuto anche dagli avversari politici pronuncia la seguente frase: "Io so che l'Italia è messa male. Rischiamo. Vedremo cosa accadrà, sono preoccupato". Come a dire, in base all'evolvere della crisi decideremo cosa fare. La Lega e la legge elettorale sono i due nodi sui quali si sviluppa il confronto. I falchi hanno innanzitutto mostrato proiezioni che indicano come il Pdl, senza Carroccio, sia destinato a soccombere anche in numerose sfide al Nord. E hanno poi ricordano l'intesa di massima con i leghisti sul caso Cosentino: sostegno in cambio di una pax sulla legge elettorale e in vista di una rinnovata intesa alle Politiche. Ma le colombe, capitanate da Letta e Cicchitto, hanno spiegato che difficilmente il Pdl potrà staccare la spina all'esecutivo, troppa sarebbe la responsabilità per essere sopportata da una sola forza politica. Meglio piuttosto provare a puntare sul proporzionale e giocarsi le proprie carte con l'Udc, senza escludere a priori scenari di larghe intese. Tutt'altro approccio quello della fazione pro voto. Servirebbe a mantenere vivo il rapporto con la Lega, hanno fatto notare, concedendo solo parziali modifiche al sistema del voto, o semmai virando sul Presidenzialismo. Mettendo fine, soprattutto, a una situazione che giudicano "insostenibile". Chi spinge per questa tesi cita dei dati che fanno assaporare il baratro: il Pdl - secondo gli ultimi sondaggi - sarebbe inchiodato a un misero 24%, per questo occorre una svolta. Il Cavaliere ha ascoltato, soprattutto. Annuito di fronte a molti rilievi. Perché la difficoltà della posizione del Pdl sembra essere avvertita da Silvio, convinto però che difficilmente si riuscirà a staccare la spina. Più probabile chiedere di più al governo, incalzarlo, dare l'immagine di un partito vivo. A partire dai dossier più sensibili per l'elettorato, come le liberalizzazioni. Tanto che domani è stato convocata una conferenza stampa al Senato con il segretario Alfano e, a seguire, si terrà un nuove vertice a Palazzo Grazioli. Ma molto, come hanno concordato quasi tutti, dipenderà dall'evolvere ella crisi.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto lascia Si: non serve partito ma nuovo centrosinistra
Pd
Renzi si dimette da segretario Pd, ora candidature o congresso
Pd
Pd, fallisce nuova mediazione ma si tratta. Rischio scissione
Pd
Cuperlo a Renzi: scendi da auto, non fare 'Gioventù bruciata'
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia