venerdì 09 dicembre | 01:48
pubblicato il 11/ott/2013 20:17

Pdl: Berlusconi, faro' fine Timoshenko.Partito resti unito, no congresso

Pdl: Berlusconi, faro' fine Timoshenko.Partito resti unito, no congresso

(ASCA) - Roma, 11 ott - Silvio Berlusconi e' preoccupato per il suo futuro e anche per quello del partito, racconta chi lo ha incontrato negli ultimi due giorni.

''Vogliono farmi finire in carcere e farmi fare la fine della Timoshenko'', avrebbe confessato agli europarlamentari del Pdl che oggi hanno pranzato con lui a palazzo Grazioli e sconsolato avrebbe aggiunto: ''Mi vogliono sbattere in galera e voi mi parlate di congresso...''.

L'ex premier, che ieri sera ha incontrato gli esponenti del Pdl a lui vicini con in testa Raffaele Fitto e che in serata invece dovrebbe incontrare Angelino Alfano, non risparmia critiche ne' agli uni ne' agli altri e chiede che il partito rimanga unito. A chi come Fitto negli ultimi giorni ha chiesto di azzerare le cariche del partito e di celebrare il congresso, ha risposto che si tratterebbe di un ''vecchio rito del teatrino della politica'' invece bisogna ''abbassare le armi e tornare al partito. Faro' tutto quello che posso per riunire. Chi si divide finirebbe per fare da satellite, da stampella della sinistra''.

Berlusconi avrebbe ricostruito anche cio' che e' successo nel Pdl nei giorni precedenti al voto di fiducia al governo Letta.

I ministri del Pdl, secondo l'ex premier, si erano gia' messi d'accordo con Letta che le loro dimissioni sarebbero state poi respinte una volta presentate. Ricorda inoltre che una volta arrivato in Aula al Senato, e aver scoperto solo allora che c'era un documento pronto di 23 senatori disponibili ad andarsene, ha deciso che si doveva votare si' alla fiducia: ''C'era il rischio che si formasse un nuovo governo non amico''. E sui ministri avrebbe detto - sempre secondo quanto raccontano i presenti - di non averli scelti lui, ''ho scelto solo Alfano''. Intanto nel pomeriggio i legali di Berlusconi hanno depositato la richiesta di affidamento in prova ai servizi sociali affinche' l'ex premier sconti la condanna definitiva per frode fiscale nell'ambito del processo Mediaset. Scelta che, tra l'altro, permette a Berlusconi di allungare i tempi rispetto agli arresti domiciliari che scatterebbero dal 16 ottobre. La questione verra' affrontata nel corso di un'apposita udienza davanti al tribunale del riesame. I tempi di fissazione della data richiede pero' procedure piuttosto lunghe.

ceg/gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Pontassieve riaccoglie Renzi: "non molli ora, deve andare avanti"
Governo
Mattarella apre consultazioni,l'arbitro silente debutta in campo
Governo
Renzi domani torna a Roma, oggi pranzo dal padre e poi a Messa
Governo
Crisi, Grillo: elezioni subito senza scuse, legge elettorale c'è
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni