lunedì 27 febbraio | 08:08
pubblicato il 13/apr/2013 18:47

Pdl: Berlusconi, 'governissimo' o voto a giugno. Pronto a fare premier

Pdl: Berlusconi, 'governissimo' o voto a giugno. Pronto a fare premier

(ASCA) - Roma, 13 apr - Silvio Berlusconi e' pronto ad una nuova campagna elettorale che, come da lui spiegato, forse ha preso il via proprio oggi da Bari. E se si dovesse tornare a votare, qualora il Pd non accettasse ''di dialogare con noi'' e dunque arrivare alla costituzione di ''un governo forte e stabile'', non ci sono dubbi sul fatto che ''il candidato premier saro' io''. Anche perche', in passato, ''abbiamo fermato la sinistra, abbiamo fermato Occhetto, D'Alema, Rutelli e Prodi, e spazzeremmo via anche Bersani''. Parole di fuoco anche verso i rappresentanti del Movimento 5 Stelle, ''dilettanti allo sbaraglio guidati dalla premiata ditta Grillo-Casaleggio''.

Parlando dal palco di Bari, circondato da migliaia di persone, l'ex premier si e' rivolto piu' volte al segretario del Pd, colpevole di ''aver detto no'' alla possibilita' di ''formare un governo di coalizione'' e che, anzi, cerca, ''con il 29%'' dei consensi, di ''prendersi le cinque cariche dello Stato e di escluderci''. ''A Bersani - ha spiegato Berlusconi alla piazza che intonava 'elezioni, elezioni' - gli andrebbero bene i nostri voti ma non un governo con noi.

Caro Bersani non abbiamo l'anello al naso''. A confortare le parole dell'ex premier, pronto a una nuova discesa in campo ''come nel '94'', i sondaggi che lui stesso ha illustrato alla piazza parlando di ''un vantaggio di 4 punti rispetto agli avversari''. ''Siamo al 34%'', ha annunciato Berlusconi, ricevendo in cambio il coro 'c'e' solo un presidente, c'e' solo un presidente'. Nessuna possibilita', invece, per altre forme di governo, perche' ''se qualcuno vuole proporci un governo come quello di Monti o di minoranza, noi non ci staremo''. Quello che, al contrario, il leader del Pdl non ha escluso e' che, forse, ''servira' una nuova manovra'', perche' ''i conti sono sfasciati''.

Altro discorso e' l'elezione del Presidente della Repubblica, su cui Berlusconi e' tornato a chiedere una personalita' condivisa. No dunque a Gabanelli, Ingroia, Bindi e soprattutto Romano Prodi: ''Se fosse eletto ci toccherebbe emigrare all'estero'', ha ironizzato con la piazza.

Come sempre, e come 20 giorni fa a Roma, l'ex premier non ha risparmiato alcune parole sul capitolo giustizia, tornando ad attaccare ''quei giudici che commettono errori per negligenza o malafede''. Loro, ha spiegato il leader del Pdl, ''devono temere, sopratutto coloro che usano la giustizia ai fini di lotta politica''.

brm/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Governo
Governo, Alfano: non va stroncato per vicenda interna al Pd
Governo
Renzi: elezioni nel 2018, deciderà Gentiloni se votare prima
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech