lunedì 23 gennaio | 10:12
pubblicato il 12/lug/2012 09:14

Pdl/ Alfano dice no al ticket, con Berlusconi meglio una donna

Non sarà Monti l'avversario. Io resto segretario.Dialogo con Lega

Pdl/ Alfano dice no al ticket, con Berlusconi meglio una donna

Roma, 12 lug. (askanews) - Angelino Alfano resterà segretario del Pdl ma non farà parte di alcun ticket con Silvio Berlusconi nella corsa 2013 per palazzo Chigi. Lo ha fatto sapere lui stesso, confermando la ricandidatura del Cavaliere alla premiership, magari in tandem con una signora sull'identikit della quale Alfano ha tre ipotesi. E dicendosi convinto, che a fronte delle reazioni fredde o ironiche per lo più fatte registrare dal dejà vù di Berlusconi, almeno il mondo dell'impresa e la Lega cambieranno idea sulla ricandidatura di Berlusconi. Sul nome della donna che potrebbe affiancare Berlusconi Alfano,in una intervista al Corriere della Sera, non ha fatto parola. Mentre secondo altre indiscrezioni di stampa in pole position potrebbe esserci Federica Guidi, leader dei giovani di Confindustria. Sia come sia per la compagna di corsa, "Berlusconi - ha detto Alfano al Corsera- è ammesso di diritto alla sfida successiva come detentore del titolo, avedo vinto lui le ultime elezioni". E d'altra parte a suo giudizio contro la sua ricandidatira non ci sono argomenti: "quali sarebbero...?", ha controdomandato Alfano. "Alla fine - ha affermato ancora l'Angelino del Pdl- è giusto chiedere al popolo un nuovo giudizio" e comunque "Berlusconi non ha bisogno di un ticket: ha sempre vinto senza accompagnatori" mentre lui non lascerà la segreteria del partito: "Ho sempre lavorato solo nella prospettiva di rafforzare il Pdl", ha etto. E "se non ho il cinismo necessario a questa politica, la colpa è forse della politica che oggi ne chiede troppo e non mia che non ce lo ho". D'altra parte, Alfano difende a spada tratta dalkle ciglia alzate che hanno accompagnato l'ennesima scesa in campo. "Quanti capelli grigi e quante lucine fioche - ha sentenziato - stavano dietro a quei commenti:la gerontocrazia che parla del nuovo...". Discorso a parte, invece, per le ironie di Roberto Maroni, perthè "con il Segretario della Lega - ha sottolineato- a tempo debito dovremo fare un discorso serio che riguarderà il futuro del Paese e del Nord". Mentre che Mario Monti possa essere l'avversario di Berlusconi per Palazzo Chigi, il Segretario Pdl non lo crede o non vuole crederlo. Perchè "è senatore a vita e non ha la tendenza a diventare patrimonio di una parte".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4