sabato 10 dicembre | 00:44
pubblicato il 12/mar/2013 12:00

Pdl a Colle vede bicchiere mezzo pieno. Ma Cav resta pessimista

Per Berlusconi urne probabili. E alza voce su prossimo capo Stato

Pdl a Colle vede bicchiere mezzo pieno. Ma Cav resta pessimista

Roma, 12 mar. (askanews) - Dalle parti di via dell'Umiltà, più che il colpo al cerchio preferiscono guardare quello alla botte. E dunque, più che concentrarsi sul fatto che Napolitano abbia bocciato senza appello la manifestazione "senza precedenti" di ieri davanti al palazzo di giustizia di Milano o che li abbia invitati a maggiore "responsabilità" e a un "immediato cambio di clima", preferiscono accendere i riflettori sulla convocazione che il capo dello Stato ha fatto in serata dell'ufficio di presidenza del Csm. E così il bilancio che la delegazione pidiellina - composta da Angelino Alfano, Fabrizio Cicchitto e Maurizio Gasparri - fa dell'incontro avuto in mattinata con il capo dello Stato è tutto sommanto positiva nonostante, appunto, le parole non certo morbide che Napolitano gli ha riservato nella nota diramata poco dopo. E questo perchè il partito cerca spiragli per far parte della trattativa politica che si sta giocando sull'intricato scacchiere post elettorale e il presidente della Repubblica rappresenta il solo 'appiglio' per non rimanerne esclusi. D'altra parte - è il ragionamento che fanno i big di via dell'Umiltà - per qualsiasi tentativo di governo del presidente il Colle non potrà fare a meno del Pdl. E così si soppesano con favore le sferzate del capo dello Stato ai giudici e quel suo invito a "evitare tensioni destabilizzanti per la democrazia", così come la menzione delle "comprensibili preoccupazioni" del partito per il suo leader e il riconoscimento che il centrodestra è il secondo schieramento emerso dalle elezioni e per giunta per pochi voti di scarto dal primo. Questo, per lo meno, è il quadro che le 'colombe' hanno tentato di dipengere a Silvio Berlusconi che resta ancora ricoverato all'ospedale San Raffaele e che con ogni probabilità non parteciperà venerdì alla seduta inaugurale delle Camere. Il Cavaliere - viene però spiegato - fa sempre più fatica a fidarsi degli scenari più ottimisti e di chi invita a essere prudenti almeno finché non saranno state giocate tutte le carte. Perché il timore dell'ex premier è ormai sempre più quello di restare isolato nella partita politica e, ancora di più, vittima di quello che considera l'assalto concentrico delle Procure. Ecco perchè, a dispetto delle colombe, Silvio Berlusconi continua a considerare sempre più conveniente che si vada alle urne il prima possibile, cercando magari di giocarsi la campagna elettorale proprio sui temi della giustizia. Ma è ancora presto per scorpire tutte le carte anche perchè prima di tutto c'è il banco di prova delle presidenze. Da venerdì si comincia a votare per quelli di Camera e Senato: la minaccia di Aventino del Pdl dovrebbe essere rientrata anche come gesto di buona volontà. Sebbene oggi, anche un po come forma di protesta, tra i deputati c'è stato il 'passaparola' di non lasciare le impronte digitali - necessarie ma non obbligatorie - per le votazioni a Montecitorio. Ma il vero test per Berlusconi è quello per l'elezione della presidenza della Repubblica. Oggi, con svariate ore di ritardo, ha colto l'occasione della smentita di un retroscena che lo vedeva favorevole a una presidenza Amato o D'Alema in chiave anti Prodi, per rivendicare al centrodestra la guida del Colle più alto. "Per il Quirinale - dice - il centrodestra non ha bisogno di chiedere a nessuno, e tanto meno alla sinistra, 'candidati in prestito', perché, dopo tanti presidenti di un solo colore, ha invece diritto a rivendicare un candidato diverso e di altra estrazione". Berlusconi ha voluto mandare chiaro il suo segnale: il partito vuole avere voce in capitolo e farà di tutto perché non si arrivi all' elezione di un presidente della Repubblica che non sia garante anche del Pdl. Ovvero del suo leader.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Tosi al Colle: incarico a una figura dal profilo internazionale
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina