lunedì 23 gennaio | 05:56
pubblicato il 02/set/2013 12:00

##Pd/Franceschini vota Renzi, Letta cauto, bersaniani su Cuperlo

L'ex segretario contrariato per la mossa del ministro

##Pd/Franceschini vota Renzi, Letta cauto, bersaniani su Cuperlo

Roma, 2 set. (askanews) - Che Dario Franceschini avesse mantenuto contatti con Matteo Renzi era cosa nota a tutti nel Pd e in tanti pronosticavano un asse ma la rapidità con cui il ministro per i Rapporti con il Parlamento ha dato un quasi endorsement al sindaco di Firenze ha contrariato decisamente Pier Luigi Bersani, mentre Enrico Letta ostenta freddezza. Il premier, in realtà, è obbligato a stare 'fuori dai giochi', perché il governo ha bisogno di un Pd compatto, tanto più in questa fase, e sarebbe pericoloso se l'ala sinistra del partito finisse per sentirsi ospite in casa propria. E' vero che con Renzi ci sono anche Piero Fassino e Walter Veltroni, ma l'immagine di un premier e un segretario che vengono dalla Dc crea comunque qualche ansia in parte dell'area ex Ds e Letta sa che ci sarà da presidiare quel fronte. Franceschini, raccontano, aveva parlato con il premier prima di fare l'uscita di oggi e la freddezza mostrata da Letta rientrebbe appunto nella logica di non creare ulteriori malumori a sinistra. Di sicuro, raccontano, Bersani oggi non era molto contento anche se la mossa di Franceschini era stata messa in conto e i contatti con Gianni Cuperlo erano stati intensificati negli ultimi giorni. I rapporti tra Bersani e D'Alema, grande sponsor di Cuperlo, sono difficili da tempo ma a questo punto c'è l'esigenza di non dividere ulteriormente un'area, quella ex Ds, che già in parte è passata con Renzi. A parte Veltroni e Fassino, infatti, anche importanti figure locali, come il segretario emiliano Stefano Bonaccini e il sindaco di Bologna Valerio Merola, si stanno spostando con Renzi e una divisione tra bersaniani e dalemiani sarebbe solo un danno per entrambe le correnti. Davide Zoggia, bersaniano, conferma: "Beh, ancora non si è deciso, ma la piattaforma di Cuperlo riscontra interesse tra di noi. Intanto perché lui è concentrato sul ruolo di segretario...". Un solo nome potrebbe competere con il rottamatore, quello di Nicola Zingaretti. Ma il presidente della regione Lazio, sospirano molti ex Ds, non ha intenzione di giocare questa partita ora. Renzi, d'altro canto, con Franceschini aveva parlato anche ieri e sapeva che il ministro avrebbe fatto il suo endorsement. Il sindaco incassa e apprezza, ma cerca di stare ben attento a non dare l'impressione di fare patti con tutti. Di sicuro, parlerà anche 'a sinistra', intanto perché deve contrapporsi a Letta premier delle larghe intese e poi perché non si diventa segretario del Pd con la linea Ichino.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4