martedì 24 gennaio | 12:30
pubblicato il 28/mag/2012 21:00

Pd/Bersani lancia patto ricostruzione e sfida Pdl su due turni

Offerta a progressisti, moderati e società civile

Pd/Bersani lancia patto ricostruzione e sfida Pdl su due turni

Roma, 28 mag. (askanews) - Alleanze e riforme, soprattutto, nel menù della direzione Pd di domani, ma rischia di restare deluso chi si aspetta risposte definitive. Pier Luigi Bersani arriva alla riunione del parlamentino del Pd pressato da Sel e Idv che gli hanno recapitato un vero e proprio 'ultimatum' in tema di alleanze, mentre il Pdl lo incalza con la proposta del semipresidenzialismo. Il segretario democratico, però, può contare sul ruolo di unico grande partito superstite dopo le amministrative e difficilmente accetterà di stare al gioco che cercano di imporgli alleati e avversari: sul fronte delle alleanze, Bersani dovrebbe limitarsi a riproporre il 'patto per la ricostruzione' di cui parla da mesi, un'offerta rivolta al centrosinistra ma anche ai "moderati costituzionali", cioé i centristi che hanno a cuore le regole della democrazia, senza dimenticare "tutto quello che si muove nella società", ovvero movimenti e liste civiche che ruotano intorno al centrosinistra. Un appello "largo", come ama ripetere il segretario Pd, per "ricostruire il Paese", ma certo non quegli "stati generali della sinistra" pretesi da Nichi Vendola e Antonio Di Pietro. Inutile dire che Bersani non ha affatto gradito la scenetta dei due alleati in trasmissione su La7 seduti accanto alla sua sagoma di cartone. Ma il leader Pd non ha nessuna intenzione di sottostare all' "ultimatum" di Idv e Sel, perché convinto che dopo il risultato delle amministrative nessuna forza di centrosinistra potrà pensare di fare a meno del Pd. La minaccia di Vendola e Di Pietro di "andare da soli", insomma, viene ritenuta abbastanza spuntata in casa Pd. D'altro canto, bisogna ancora capire cosa accade nel centrodestra, si tratta di vedere, spiega Bersani, come verrà riempito quel "vuoto" che si è creato, come si posizionerà Luca di Montezemolo, cosa sceglierà di fare Pier Ferdinando Casini. E, in ogni caso, il leader Pd non vuole certo ripetere l'errore del '94, quando il fronte dei progressisti definì i suoi confini troppo presto e finì battuto dalla novità Berlusconi. Insomma, non c'è nessun motivo per delimitare ora il campo, il Pd dopo le amministrative ha un vantaggio sugli altri partiti e cercherà di usarlo, lanciando appunto un "patto per la ricostruzione" e aspettando di vedere cosa accade. "Siamo noi a dettare i tempi - diceva qualche giorno fa un esponente della segreteria - siamo noi il primo partito". Anche di fronte alle tante ipotesi di liste civiche, da quella di Michele Emiliano a quella del giro 'Repubblica', l'atteggiamento sarà di apertura, in attesa di vedere cosa si concretizzerà davvero. Anche perché alla fine una lista 'a destra' del Pd potrebbe pure fare comodo se davvero i centristi andranno con il centrodestra. (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Di Maio: né Salvini né Meloni, non facciamo alleanze
L.elettorale
Grillo: legge elettorale sarà quella che deciderà la Consulta
L.elettorale
Partiti attendono Consulta su Italicum. Già divisi sul day-after
L.elettorale
L.elettorale, Grasso: riforma dovrà attendere motivazioni Consulta
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: strategia Ue premessa solido sviluppo attività
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4