domenica 04 dicembre | 05:03
pubblicato il 02/mag/2013 18:09

Pd: Zingaretti, reggenza errore, subito segretario

Pd: Zingaretti, reggenza errore, subito segretario

(ASCA) - Roma, 2 mag - ''Molti mi chiedono cosa penso della situazione del Pd, anche alla luce di indiscrezioni di stampa che indicano il mio nome per l'assunzione di un ruolo di segretario del partito. Ecco, dunque, la mia risposta. Primo: e' fuori discussione che io, a pochi mesi dal voto, possa abbandonare le cittadine e i cittadini del Lazio e il lavoro che abbiamo intrapreso per cambiare e rilanciare questa Regione. Non sarebbe serio ne' giusto, anche se in nome di una nobile causa di impegno politico. Secondo, se ci sara' da esprimere delle idee, questa volta non mi tirero' certo indietro e faro' la mia parte''. Lo scrive sul suo blog il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti. ''Oggi quello che penso e' che, dopo la sconfitta politica subita, il Pd, se vuole essere utile all'Italia, non puo' continuare ad essere un partito 'sospeso'. Di fronte ad una destra che, con la formazione del nuovo governo, ha segnato un indiscutibile successo e che, ora, sta cercando di ottenere, dentro questa operazione, la sua piena riabilitazione agli occhi del Paese, il Pd sopravvive solo se e' capace di stare in campo con tutta la sua forza, con la sua autonomia, con le sue idee e con un profilo chiaro e riconoscibile. Io credo che non farlo, come traspare dalla proposta che sembra venire avanti di affidare il partito ad una reggenza temporanea, di un singolo o peggio di un comitato di maggiorenti, lasciar prevalere ancora una volta - sottolinea Zingaretti - i giochi delle correnti, dei tatticismi, delle mediazioni al ribasso, ci condannerebbe alla paralisi per mesi e sarebbe davvero un errore imperdonabile. Bisogna eleggere subito, come previsto dallo statuto, un segretario pienamente legittimato, chiamato a portare avanti una linea politica e ad impostare un processo di rifondazione e ricostruzione, affrontando i nodi irrisolti di identita', valori, radicamento, organizzazione interna che hanno caratterizzato la fragilita' del partito in questi anni e conducendo il Pd a un congresso vero, aperto, fondato sulle idee e il confronto sulla cultura politica e non sulla fedelta' a gruppi e camarille''.

bet/sam/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari