martedì 17 gennaio | 18:06
pubblicato il 22/gen/2011 07:43

Pd/ Veltroni torna al Lingotto per parlare all'Italia

A Torino lo stato maggiore Pd, parlerà anche Bersani

Pd/ Veltroni torna al Lingotto per parlare all'Italia

Torino, 22 gen. (askanews) - "Fuori dal Novecento. Giusta, aperta, forte, viva, l'Italia" è il titolo della convention che Movimento democratico celebra oggi nella sala gialla del Lingotto. I toni sono sicuramente diversi da quelli usati soltanto un mese fa quando, in un'intervista all'Unità nella quale spiegava il senso dell'iniziativa del Lingotto 2, Walter Veltroni intimava al partito un ritorno alla "vocazione maggioritaria" attraverso una esplicita "correzione di rotta" rispetto alle "oscillazioni di posizioni" dettate "dall'inseguimento dei possibili alleati". Ora, infatti, l'ex segretario, vuole lanciare un messaggio di unità al popolo del Pd. Senza naturalmente rinunciare alle cinque proposte per l'innovazione che saranno il fulcro del suo discorso di Torino. Non un "ritorno", ha precisato giovedì, ma la volontà di ritrovare la "ispirazione e la tensione", con cui il Pd nacque con la sua candidatura a segretario, tenendo però conto che "lo scenario politico-istituzionale è del tutto cambiato". E sembra essere cambiato anche lo scenario interno. Se infatti fino alla Direzione del Pd di due settimane fa Movimento democratico, nato su impulso di Veltroni, Beppe Fioroni e Paolo Gentiloni con il documento dei 75, era ai ferri corti con Bersani e Franceschini, quindi con la maggioranza del partito, oggi la presenza di tutti i dirigenti al Lingotto segna la volontà di mettere da parte, almeno per il momento, le polemiche interne. Una 'tregua, forse momentanea, e certamente dettata dalla nuova escalation della crisi di governo per lo scandalo Ruby, che riapre la partita di possibili elezioni anticipate o di governissimi che richiedono da parte del principale partito di opposizione una strategia unitaria e compattezza della classe dirigente. I toni usati negli ultimi giorni dal segretario Bersani, infatti, nei confronti di Modem sono stati decisamente più teneri rispetto a quelli della Direzione: "Non credo che il Lingotto rappresenterà un'alternativa, non è questo il clima. Alla fine io, Veltroni e gli altri parleremo di Italia non ci guarderemo la punta delle scarpe perchè sarebbe da irresponsabili". E' previsto, tra l'altro, che anche Bersani parli.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Centrodestra
Salvini sfida Berlusconi su leadership. Cav: io ancora decisivo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa