lunedì 23 gennaio | 05:32
pubblicato il 16/apr/2015 10:23

Pd si spacca su Italicum e Speranza si dimette da capogruppo

Nell'assemblea dei deputati 'solo' 190 seguono la linea di Renzi

Pd si spacca su Italicum e Speranza si dimette da capogruppo

Roma, 16 apr. (askanews) - Dopo settimane di botta e risposta, di trattative, di tentativi di ricomporre le divisioni interne al Pd sulla nuova legge elettorale la bolla è scoppiata: l'assemblea dei deputati, riunitasi ieri sera con Matteo Renzi, ha formalmente certificato la spaccatura del partito, con 'solo' 190 deputati che hanno approvato la linea del segretario (nessuna modifica al testo della nuova legge elettorale) su un totale di 310. La minoranza del Pd (120 deputati, quasi un terzo del gruppo), dopo aver tentato fino all'ultimo di introdurre modifiche all'Italicum, di fronte alla netta chiusura del premier ha deciso di non prendere parte al voto.

Non solo, davanti al fallimento di ogni tentativo di mediazione il capogruppo Pd a Montecitorio, Roberto Speranza, si è dimesso. Cuperlo, Civati, Fassina, Bindi e altri hanno allora chiesto la sospensione dell'assemblea. Ma la riunione è continuata ed allora in molti sono andati via. Non Pier Luigi Bersani che ha ribadito, nel suo intervento, che se si vuole la legge elettorale si può cambiare perché "se si vuole andare avanti così, io non ci sto". Renzi però non ha deviato dalla sua strada, l'Italicum rimane così com'è e non si fa alcuna modifica. Anzi, ha avvertito i deputati che il destino del governo è legato alle nuove regole elettorali: se la legge dovesse non essere approvata a lui non rimarrebbe altro che salire al Colle da Mattarella e dimettersi.

Non è certo una scissione quella andata in onda ieri sera ma è sicuramente un ulteriore segnale di una situazione, quella interna al Pd, che rischia di diventare sempre meno gestibile. Ma Renzi va avanti e la sua linea, già approvata a maggioranza dalla direzione Pd, è quella di varare in via definitiva a maggio la legge elettorale alla Camera. Ovviamente ha chiesto a Speranza (la cui componente, Area riformista, pur non votando a favore di Renzi non abbandona l'assemblea per non dare la sensazione che si stia realizzando una scissione) di riflettere sulla sua decisione, proponendo di convocare un'assemblea su questo la prossima settimana. Ma, ha chiarito, è ormai arrivata l'ora di chiudere definitivamente la discussione sulla legge elettorale. Una legge, ha sottolineato Renzi, che è "in linea con quanto proposto sin dai tempi dell'Ulivo".

Renzi ha poi mandato un messaggio ai membri Pd in commissione: "Tutti - ha detto - accettino il deliberato dell'assemblea sulla legge elettorale". Anche perché, ha aggiunto, il capitolo delle riforme deve essere ormai chiuso per andare avanti con gli altri impegni del governo, dai decreti fiscali alle intercettazioni.

Dario Franceschini, dal canto suo, ha tentato di ricomporre lo scontro, invitando alla responsabilità chi, come Bersani o Cuperlo, ha avuto un ruolo nel partito. Dopo aver "ripreso per i capelli la legislatura - ha detto - non si può mandare tutto in fumo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4