martedì 17 gennaio | 22:45
pubblicato il 19/ago/2013 14:45

Pd: Russo, non esistono mozioni 'lettiane', non giovano a governo

(ASCA) - Roma, 19 ago - ''L'amico Francesco Boccia sa che considero il suo documento un contributo utile al congresso del PD, una traccia di lavoro che presenta spunti interessanti per un dibattito finora troppo legato ai personalismi delle candidature alla segreteria nazionale. Per questo mi permetto soltanto di chiarire ai molti commentatori alcuni fraintendimenti che, al di la' delle intenzioni del suo estensore, oggi sembrano affiorare nelle reazioni a margine della sua iniziativa e che potrebbero limitarne la portata positiva e trasformarla in un'occasione divisiva e puramente polemica''. E' il commento di Francesco Russo, senatore Pd e segretario generale dell'Associazione TrecentoSessanta.

''In primo luogo - sottolinea il senatore Pd -, anche se scontato, e' bene ribadire che non ci possono e non ci potranno essere in questa fase del dibattito congressuale documenti ''lettiani', ispirati direttamente o indirettamente dal Presidente del Consiglio o da quelli che sono, attualmente, i suoi piu' diretti collaboratori. Non serve al PD, non rappresenta lo spirito, ribadito anche ieri a Rimini, con cui sta lavorando Letta, non gioverebbe all'azione di governo cui il Paese sembra guardare con crescente fiducia.

Va poi aggiunto che non e' nell'interesse di nessuno forzare la lettera del documento e immaginare che vi possa essere una mozione in nome della quale in sede congressuale ci si possa o debba distinguere rispetto al sostegno al governo Letta''.

''Va ricordato, infatti - ribadisce Russo -, che questo, seppure appoggiato da una maggioranza difficile, e' il governo di tutto il Pd. E' un esecutivo nato per scelta pressoche' unanime della Direzione nazionale e dei gruppi parlamentari democratici che, rispondendo al richiamo del Presidente Napolitano, hanno garantito l'impegno ad accompagnare le necessarie riforme istituzionali e le azioni di rilancio dell'economia mettendo al primo posto il bene del Paese. E' un governo cui tutto il partito ha dato la sua fiducia e che vivra' fino a quando questa fiducia, in modo unitario, verra' confermata. Per questo sara' bene che tutti si impegnino a tenere l'esecutivo e la figura del presidente Letta fuori da dibattiti di parte (se non addirittura di corrente) fuori e dentro il Pd''.

''Spetta invece ai candidati e alle mozioni presentate a loro supporto - conclude il senatore Pd - animare il dibattito congressuale, per non disperdere le potenzialita' un partito rinnovato ma che sappia mantenere ben saldi i principi di giustizia sociale e di solidarieta' per i quali e' nato e grazie ai quali tanti italiani ancora lo considerano una speranza di futuro''.

com-ceg/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa