domenica 22 gennaio | 06:41
pubblicato il 25/nov/2013 12:00

Pd: revisione non è IV grado, avanti con decadenza Berlusconi

Leva: media evitino di accettare soliloqui e ricordino i fatti

Pd: revisione non è IV grado, avanti con decadenza Berlusconi

Roma, 25 nov. (askanews) - "Le verità processuali si costruiscono in tribunale e non attraverso i mass media ne tanto meno in conferenze stampa a reti unificate. La revisione di una sentenza è un mezzo di impugnazione straordinaria prevista dal codice di procedura penale. Non è un quarto grado e non ha effetti sospensivi. Pertanto in presenza di una sentenza di condanna per frode fiscale passata in giudicato, la politica non può che assumersi le sue responsabilità applicando la legge Severino". Lo ribadisce Danilo Leva, responsabile Giustizia del Pd. "Allo stesso modo i mezzi di informazione dovrebbero assumersi la responsabilità di evitare la possibilità di soliloqui e di ricordare sempre i fatti", ha aggiunto l'esponente del Pd.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4