lunedì 05 dicembre | 01:42
pubblicato il 10/gen/2014 10:36

Pd: Repetti (FI), centrodestra non lasci a Renzi svolta liberale

(ASCA) - Roma, 10 gen 2014 - ''Il centro destra italiano non puo' piu' permettersi di lasciare vuoti che di fatto oggi vengono occupati da uno scaltro Renzi, esponente di sinistra con vesti liberali. Il centro destra deve riflettere sulla propria incapacita' fino ad oggi di imporre una vera svolta liberale. Il Presidente Berlusconi ha ben chiaro tutto questo e punta con i club ad un rinnovamento radicale di Forza Italia per sciogliere le maglie di una politica imbavagliata e imbrigliata dalle lobby''. Lo dichiara in una nota Manuela Repetti, senatrice di Forza Italia.

''Riconsegnando di fatto la politica ai cittadini, che in Italia sono in maggioranza di centro destra, si potra' finalmente realizzare quella rivoluzione liberale di cui il paese e' affamato. Anche per questi motivi la proposta di Renzi sul piano del lavoro non puo' essere liquidata con superficialita'. Si rischia altrimenti che quel vuoto diventi sempre piu' grande e incolmabile'', conclude Repetti.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari