sabato 03 dicembre | 08:10
pubblicato il 16/dic/2013 08:41

Pd: Renzi ricompatta il partito. Letta, ''uniti non ci batte nessuno''

Pd: Renzi ricompatta il partito. Letta, ''uniti non ci batte nessuno''

(ASCA) - Roma, 16 dic - ''Restiamo ribelli e cambiamo l'Italia. Ciascuno di noi ha il suo pantheon di ribelli. Ma l'essere ribelli e' soprattutto una sfida con se stessi Si e' ribelli se ciascuno di noi prova a cambiare la quotidianita'''. Cosi' Matteo Renzi ai mille delegati riuniti ieri a Milano che compongono la platea dell'Assemblea nazionale del Pd nel suo primo discorso dopo essere stato proclamato ufficialmente segretario. ''Il voto degli elettori delle primarie - prosegue - e' l' ultimo appello che ci hanno dato per dire: cambia il Pd per cambiare l'Italia. Non hanno votato solo il candidato ma il Pd, visto come unico interlocutore per un cambiamento senza se e senza ma''. Renzi affronta subito la questione dell'esecutivo: ''Se alle prossime europee si va con risultati di governo balbettanti, la responsabilita' non ce l'avranno ne' Grillo, ne' Berlusconi: la responsabilita' cadra' tutta in toto in testa al Pd. Bisogna partire da un accordo alla tedesca, voce per voce, punto per punto e con i tempi stabiliti per i prossimi 12-15 mesi''. Da qui la necessita' di ''una agenda per il prossimo anno di governo e una visione per i prossimi 15 anni in Italia. L'Europa non e' il nostro salvatore, ma senza l'Italia non va da nessuna parte. Tutti noi dobbiamo aiutare Letta nel semestre europeo. La Merkel e' diventata in passato un alibi per tutti ma mettere a posto i conti non si fa per la signora Merkel ma per una normale dignita' verso i tuoi figli''. Il neosegretario espone alcuni punti programmatici: ''Entro un mese un progetto di legge per semplificare le regole del lavoro da accompagnare con un gigantesco Piano per il lavoro. Serve l'impegno a modificare la Bossi-Fini e inserire lo jus soli. Io sono fra quelli piu' prudenti su questo, ma il tema delle unioni civili lo metteremo nel patto di coalizione, che piaccia a Giovanardi o non piaccia a Giovanardi: noi siamo il Pd''. Renzi sfida pure il leader del M5S: ''In modo provocatorio Grillo mi dice rinuncia ai 40 milioni di rimborsi. Lo dico io ''Beppe firma qua': caro Grillo hai 160 parlamentari decisivi per fare le riforme, io sono disponibile a rinunciare ai 40 milioni del prossimo anno se tu ti impegni per superare il Senato, abolire le Province e fare la legge elettorale. Ci stai a giocare in modo pulito e trasparente senza accordi senza patti? Se sei disponibile, il Pd e' davanti a te e non dietro. Se non ci stai, sei per l'ennesima volta un chiacchierone e l'espressione buffone vale per te''. Renzi spiega la sua posizione sulla riforma elettorale: ''Noi siamo pronti a fare la nostra parte con le forze di maggioranza da domani mattina ma con Enrico abbiamo deciso di aspettare la legge di stabilita' per evitare fibrillazioni. Alla prossima legislatura noi non eleggiamo piu' 315 senatori. Il Senato non deve piu' avere una funzione elettiva. O entro fine gennaio si approva alla Camera la riforma o la politica perde la faccia. Serve una legge per cui chi vince vince e le larghe intese sono l'eccezione non la regola''. Il sindaco di Firenze ripete di non avere intenzione di mettere in discussione gli equilibri di governo: ''Oggi l'Italia corre il rischio di non essere piu' considerato un paese speciale perche' oltre che fascisti ci sono 'sfascisti' che puntano alla distruzione generalizzata. Al Parlamento va detto non tutti a casa ma tutti a lavorare, restate dentro finche' non avete finito''. Il vincitore delle primarie annuncia infine il metodo che vuole seguire nelle relazioni interne: ''Per quanto mi riguarda, la correttezza delle relazioni e' fondamentale, quello che penso io lo dico in faccia e l'unico modo per uccidere i retroscenisti e' utilizzare lo stesso linguaggio fuori e dentro. Al centro non c'e' il destino personale di uno o dell'altro, abbiamo sulle spalle la responsabilita' dell'Italia''. Sull'elezione di Gianni Cuperlo come presidente del Pd argomenta: ''E' tutto tranne il tentativo di un ''do ut des''. Insieme si e' piu' forti''. Enrico Letta, che ha voluto essere presente alla riunione, tende la mano a Renzi: ''Dopo otto mesi in cui, sulla mancata elezione del presidente della Repubblica, abbiamo rischiato la fine del Pd, siamo qui, e il nostro partito e' il baricentro, il pilastro della democrazia. Abbiamo visto intorno a noi il disgregarsi del sistema politico. Non e' elemento di soddisfazione ma ci carica di grandi responsabilita'''. Il presidente del Consiglio si rivolge al suo partito: ''C'e' bisogno che tutti insieme guardiamo avanti. Sono premier grazie a voi e al Parlamento che ha considerato giusta questa strada per una transizione del paese che stava sbandando. Sono convinto che l'Italia ce la fara' se il Pd ce la fara'. E soprattutto, uniti non ci batte nessuno''. Poi promette la massima lealta' nei rapporti con il segretario del Pd a cui si rivolge direttamente: ''Matteo, da oggi in poi dobbiamo lavorare perche' dai giornali si tolgano i retroscena tra noi due: e' inutile che li scrivano perche' non ci saranno retroscena, tutto avverra' sempre in modo trasparente''. Il presidente del Consiglio difende l'abolizione del finanziamento pubblico ai partiti: ''La democrazia va finanziata in modo trasparente e passeremo al 2 xmille''. Il discorso di Renzi e' piaciuto a Massimo D'Alema che aveva polemizzato piu' volte con il sindaco di Firenze nel corso delle primarie: ''Considerati i dissensi di partenza, mi e' sembrato un tentativo di indicare una piattaforma di confronto aperta. La mia e' una valutazione positiva''. Positivo il giudizio di Guglielmo Epifani, segretario uscente: ''Renzi ha una forte personalita' ed e' un uomo di un'altra generazione: quindi e' chiaro che siamo di fronte a una svolta. Naturalmente il mandato del nuovo segretario e' molto molto forte''. Angelino Alfano, leader di Nuovo centrodestra, commenta cosi' il discorso del segretario del Pd: ''Il nostro interlocutore e' Letta. Non potevamo chiedere un discorso politicamente piu' vantaggioso per noi di quello che ha fatto Renzi. Lui ha fatto un discorso di sinistra radicale sull'immigrazione, sul lavoro, sul sindacato e le unioni gay, un discorso di sinistra-sinistra, a noi va benissimo''. A Renzi replicano anche Beppe Grillo e i gruppi parlamentari del M5S: ''Renzi e' tutto chiacchiere e marketing. I 40 milioni di euro dei rimborsi elettorali deve restituirli agli italiani, non a noi. Fa finta di non capire e propone accordicchi da Prima repubblica, camuffati da slogan''. gar

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari