lunedì 23 gennaio | 12:14
pubblicato il 02/set/2013 12:00

Pd/ Renzi pronto a segreteria. Speranza: non pensi anche premier

Sindaco di Firenze: "Sono disponibile a guidare il Pd"

Pd/ Renzi pronto a segreteria. Speranza: non pensi anche premier

Roma, 2 set. (askanews) - Matteo Renzi "è una risorsa per il nostro partito, un valore aggiunto. Naturalmente, ci sarà un dibattito congressuale, le primarie, e si faranno le scelte". Roberto Speranza, capogruppo Pd alla Camera, commenta così le parole con cui il sindaco di Firenze ha annunciato la disponibilità a correre come segretario del partito: "Sì, sono disponibile a guidare il Pd. Ma poi decidono gli elettori", ha detto Renzi ieri alla festa del Pd, intervistato da Enrico Mentana. Secondo Speranza, "abbiamo bisogno di una profonda, vera ricostruzione. Serve un Pd forte, radicato, in sintonia piena con il paese. Un partito al servizio dell'Italia. Non nascondiamoci: è un compito faticoso, duro, che impone un impegno pieno. Ecco, io penso che questo, e solo questo, deve avere in testa chi si candida alla guida del partito", ha aggiunto in una intervista a La Repubblica. Per il sindaco di Firenze i due ruoli, segretario e candidato premier, devono coincidere. "Bersani, che pure avrebbe potuto non farlo - risponde Speranza - ha messo in campo le primarie aperte proprio per la scelta della premiership. E' un punto di non ritorno. Perché in un momento in cui l'antipolitica avanza e i partiti sono in grande affanno, le grandi scelte vanno fatte dal basso, coinvolgendo i cittadini. Solo così può prendere corpo quella ricostruzione di cui parlavo, un Pd al servizio dei cittadini e del paese. Quindi, da questo punto di vista è inimmaginabile tornare indietro". E prosegue: "Il Pd ha già un presidente del Consiglio, nel quale crede fortemente e che sostiene con la massima convinzione. Impegnati a difenderlo dalle quotidiane minacce del Pdl di scattare la spina. Perciò, attenzione a non fornire alibi ai nemici del governo. Se Berlusconi vuol buttarlo giù, potrebbe giocare su presunte divisioni e debolezze attorno al premier".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Conti pubblici
Berlusconi: nuova manovra? Rimasti conti da pagare di Renzi
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
In Sicilia i corsi per aspiranti Master of Wine
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4