venerdì 24 febbraio | 09:57
pubblicato il 30/ott/2011 12:52

Pd/ Renzi: i nonni politici ci hanno lasciato il debito pubblico

Il sindaco:" è la cosa più ingiusta e immorale per un bambino"

Pd/ Renzi: i nonni politici ci hanno lasciato il debito pubblico

Firenze, 30 ott. (askanews) - "I nostri nonni ci hanno lasciato una casa, ma i nostri nonni politici ci hanno lasciato il conto al ristorante". Con questa battuta, il sindaco di Firenze, Matteo Renzi spiega cosa intenda con le sue rivendicazioni per le giovani generazioni. Non si tratta di potere: "se qualcuno degli amici che stanno fuori da qui pensava che la Leopolda fosse l'elenco delle ambizioni di un giovane in cerca di una poltrona", si è sbagliato di grosso. "Noi reclamiamo il futuro per ciascuno di noi -afferma Renzi al palco del 'Big Bang'- per i nostri figli con un principio base per cui il futuro non può essere quella cosa su cui si scaricano i problemi". Il conto lasciato al ristorante dai nonni politici è invece "debito pubblico, che è la cosa più ingiusta e immorale che un bambino si trovi oggi ad affrontare".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto: nuova forza di sinistra con ex Pd, con noi 17 ex Si
Aborto
Aborto, senatori Pd: ora legge per concorsi medici non obiettori
Ue
Mattarella:Ue ha valore irreversibile, da crisi uscirà più forte
Pd
Orlando in campo a primarie Pd: mi candido, serve responsabilità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech