lunedì 05 dicembre | 12:16
pubblicato il 11/ott/2013 14:05

Pd: Renzi 'svela' campagna, parole da ribaltare per 'cambiare verso'

Pd: Renzi 'svela' campagna, parole da ribaltare per 'cambiare verso'

(ASCA) - Firenze, 11 ott - Otto coppie dicotomiche, otto parole da 'capovolgere' per cambiare l'Italia. Sono le prime anticipazioni della campagna 'cambia verso' per le primarie di Matteo Renzi, anticipate oggi su Facebook dallo stesso 'rottamatore'. Domani alle 16 Renzi lancera' a Bari la sua candidatura, ma oggi, sul social network, il sindaco di Firenze ha postato le immagini di otto manifesti che seguendo il filo dello slogan 'L'Italia cambia verso', mostrano otto cose da cambiare. La parola 'sbagliata' e' scritta al contrario, quella 'giusta' nel verso corretto.

Si parte dunque da 'burocrazia' (scritto al contrario) che deve essere sostituita da 'semplicita''', perche', si legge, ''il rispetto delle regole non ha niente a che vedere con la tortura a cui sono sottoposti cittadini e aziende per ottenere un banale permesso. Spenderemo quel tempo ritrovato per far crescere l'Italia''.

Si prosegue con le dicotomie tra 'raccomandati' e 'bravi' (''La meritocrazia e' l'unica medicina per l'impresa, per la ricerca, per la pubblica amministrazione. Gli amici degli amici se ne faranno una ragione''); 'perdere bene' e 'vincere', perche' ''l'importante, si sa, e' partecipare. Ma per cambiare l'Italia bisogna fare qualcosa in piu': vincere''.

C'e' pero' anche il contrasto tra 'il cavaliere' e 'gli italiani': ''Da vent'anni la politica si occupa di una sola persona. Noi ci occuperemo di tutti gli altri'', assicura la campagna.

Altre 'coppie' di opposti da modificare sono quelle tra 'il palazzo' e 'la strada' (''conoscere il prezzo di un litro di latte, usare i mezzi pubblici, fare la fila alla posta.

Tre ottimi modi per costruire un programma di governo''); tra 'paura' e 'coraggio' (''paura degli extracomunitari, paura della recessione, paura di cambiare. Da oggi ci riprendiamo la fiducia, la voglia di fare, il futuro''); tra 'lamentarsi' e 'cambiare' (''non passeremo il tempo a recriminare su come potrebbero andare meglio le cose. Le cambieremo''); tra 'conservazione' e 'futuro' (Se pensiamo solo a conservare quello che abbiamo, presto non avremo piu' nemmeno quello.

Crescere vuol dire creare, innovare, cambiare)''.

afe/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari