mercoledì 07 dicembre | 23:20
pubblicato il 08/ago/2013 08:33

Pd: oggi la Direzione. A confronto sulle prospettive del governo

Pd: oggi la Direzione. A confronto sulle prospettive del governo

(ASCA) - Roma, 8 ago - Direzione del Pd convocata oggi alle 19, alla fine di una giornata politica che prevede in mattinata la riunione del Consiglio dei ministri e nel pomeriggio l'approvazione del decreto Fare a Montecitorio. Saranno presenti il premier Enrico Letta e Matteo Renzi, che ieri in due feste del Pd in Emilia ha rotto il silenzio rispetto al dibattito interno al suo partito. L'ordine del giorno della Direzione prevede la relazione del segretario Guglielmo Epifani sulla situazione politica e ''varie ed eventuali'', nessun riferimento alle questioni congressuali (data e regole). Secondo le indiscrezioni, Letta chiedera' al Pd un maggiore impegno a sostenere il governo pur sapendo che la navigazione dell'esecutivo dipende da cosa decideranno Silvio Berlusconi e Pdl dopo la sentenza della Cassazione che ha confermato la condanna per frode fiscale nei confronti dell'ex premier. Ieri Epifani, in una intervista al ''Corriere della Sera'', aveva precisato che non si puo' governare a dispetto della legalita' e del rispetto della sentenza. Posizione che ha scatenato la reazione del Pdl impegnato a risolvere il problema dell'agibilita' politica e della candidabilita' del suo leader. Dando priorita' al confronto sulla situazione politica, Epifani vorrebbe rinviare a settembre la decisione definitiva su regole e data del Congresso del Pd. Il segretario preferirebbe che a decidere fosse l' Assemblea nazionale (sono quasi mille i suoi componenti) che sara' convocata entro settembre. Ipotesi che non convince del tutto i renziani perche' ritengono che l'Assemblea non rappresenti il Pd attuale che e' molto cambiato rispetto a quando questo organismo e' stato eletto. Non si puo' escludere che oggi possano essere presentati ordini del giorno per precisare che il Congresso si deve tenere entro l'anno (premono per questa soluzione Goffredo Bettini, renziani, Gianni Cuperlo, Gianni Pittella e Pippo Civati). Dietro le quinte, ci sarebbe intanto accordo sul documento messo a punto dal'europarlamentare Roberto Gualtieri, a cui era stato affidato il compito di trovare una mediazione tra le varie proposte sulle regole congressuali. Si profila un Congresso in tre fasi: segretari di circolo, comunali, provinciali eletti dagli iscritti, poi primarie aperte a iscritti e aderenti per i comitati regionali, infine l' elezione del segretario nazionale con nuove primarie aperte anche a non iscritti (ipotesi caldeggiata dai renziani ma anche da Pittella, Civati e Cuperlo che si sono candidati alla segreteria). Nel documento scritto da Gualtieri, chi si candida al vertice del Pd potra' ufficializzare la sua scelta fin dall'inizio del percorso congressuale. Resta aperta la questione dell'automatismo tra il ruolo di segretario e quello di candidato a premier, come previsto dall'attuale statuto del Pd. E' probabile che l'Assemblea nazionale venga chiamata a emendare questa clausola aprendo cosi' la strada a primarie sul premier che possano vedere Letta e Renzi in competizione tra loro. Il sindaco di Firenze ieri sera e' tornare a spiegare le sue posizioni rilanciate in diretta da Rainews24: ''Ventitre' anni fa un giovane sconosciuto cantautore, Luciano Ligabue, invento' l'inno della mia generazione, una canzone molto bella, ma anche triste, che diceva: ''non e' tempo per noi e forse non lo sara' mai'. Io vorrei che ci domandassimo se davvero non e' tempo per noi o se questo e' il nostro tempo e torniamo a lavorare per dare all'Italia un futuro''. Poi aggiunge: ''Abbiamo bisogno del partito, ma la vecchia tessera non basta piu' in un mondo che e' sempre piu' precario e cambia velocemente, abbiamo bisogno di inventarci un partito diverso che non si basa solo su tessera e appartenenza, certo non basta una pagina Facebook, non bisogna perdere il gusto dell'abbraccio e della stretta di mano''. Renzi schizza il suo partito ideale: ''Vorrei un Pd che ritrovasse il gusto dell'innovazione, che non si limitasse a dire ''purtroppo' e a piangere sul passato, che non aspettasse il futuro, ma che lo anticipasse e lo rendesse piu' bello. Sono vent'anni che aspettiamo cosa fa Berlusconi. Almeno il congresso possiamo farlo senza di lui''. Sulla sentenza della Cassazione annota: ''Io non condivido ma rispetto Bondi, Brunetta, Schifani e Santanche', ma il compito del Pd e' salvare l' Italia: le sentenze si rispettano e la legge e' uguale per tutti. Ora piu' che mai dobbiamo prendere i voti del Pdl''. Sulla tenuta dell' esecutivo precisa: ''Il governo non usi la voce del verbo ''durare', che e' un verbo doroteo, ma la voce del verbo ''fare'. Noi incoraggiamo il governo Letta ma deve essere il governo del fare. In quel caso. spero che duri il piu' possibile, non accetto che mi si accusi di logorarlo perche' dico quel che penso''. In chiusura, il sindaco di Firenze polemizza con Letta: ''Noi siamo al fianco del governo perche' realizzi impegni presi, a partire dalla nuova legge elettorale come quella dei sindaci. Io sleale? Sono quello che ha detto in faccia che ci voleva la rottamazione. Caro presidente del Consiglio vai avanti nel fare quello che devi, non cercare alibi. Io faccio il tifo per il governo, ma deve fare le riforme''. gar/red

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni