domenica 04 dicembre | 15:18
pubblicato il 19/ago/2013 12:00

Pd/ Letta non entra in confronto interno: certo del sostegno

Non sollecita o sostiene iniziative o piattaforme pre-congresso

Pd/ Letta non entra in confronto interno: certo del sostegno

Roma, 19 ago. (askanews) - Il presidente del Consiglio Enrico letta non entra nel confronto congressuale interno al Pd, né sollecita o sostiene iniziative o piattaforme programmatiche. E' quanto confermano fonti di Palazzo Chigi in merito al dibattito in corso nel partito democratico. Dalla sede della Presidenza del Consiglio trapela inoltre il convincimento di Letta che anche nel dibattito congressuale tutto il partito e i candidati alla segreteria continueranno a dare un appoggio forte e convinto al Governo. "La necessità di interpretare con massimo equilibrio la funzione di presidente del Consiglio di questa maggioranza mi ha spinto fin dall'inizio e non entrare in vicende interne alle forze politiche che sostengono il governo", avrebbe confidato il premier ai suoi collaboratori più stretti. "E questo vale a maggior ragione per il mio partito e il suo congresso".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari