sabato 25 febbraio | 06:26
pubblicato il 16/mar/2012 21:15

Pd/ L'abbraccio Bersani-Hollande agita Fioroni e ex Ppi

Perplessi anche i veltroniani. Ma Boccia: "Non facciamo Tafazzi"

Pd/ L'abbraccio Bersani-Hollande agita Fioroni e ex Ppi

Roma, 16 mar. (askanews) - Pier Luigi Bersani vola a Parigi per suggellare quell'asse progressista europeo che conta di 'spendersi' anche in Italia nei prossimi mesi e, puntuale, ripartono nel partito i distinguo di chi teme un Pd che guarda solo a sinistra. Il documento dei progressisti europei che dovrebbe uscire fuori dall'incontro parigino ha messo in agitazione Giuseppe Fioroni e diversi altri ex popolari, ma lascia qualche perplessità anche tra i veltroniani, mentre il lettiano Francesco Boccia cerca di fare il 'pompiere' e chiede di evitare 'tafazzismi'. Qualche problema, peraltro, pare ci sia stato anche nei giorni scorsi tra il Pd e Ps sul documento da approvare. Le posizioni critiche verso il trattato 'fiscal compact' assunte da Fran ois Hollande sono ritenute troppo rigide dai democratici e ancora in queste ore si sta cercando di trovare una formulazione che accontenti tutti. Ma il problema per Bersani, appunto, è interno: Fioroni, Follini e un'altra dozzina di parlamentari hanno messo a punto un vero e proprio documento per criticare l'appoggio del leader Pd a Hollande e chiedere, invece, un sostegno per il "più europeista" Fran ois Bayrou. "Qual è la coerenza del Partito democratico?", è il titolo del foglio messo a punto dagli ex Ppi: "Bayrou dimostra di avere più determinazione e più tenuta nella difesa della politica d'integrazione europea. Sicché appare incongruo che il Partito democratico - aderente al Gruppo dei Socialisti e Democratici nel Parlamento europeo, ma non al Partito socialista europeo (Pse) - debba adottare a senso unico una sorta di "solidarietà internazionalista" e dunque affidassi totalmente alle rituali formule di sostegno al candidato socialista all'Eliseo". Ieri, poi, il veltroniano Giorgio Tonini aveva scritto un intervento su Europa dall'eloquente titolo: "A Parigi per fare che?". Toni più 'soft', ma non distanti da quelli degli ex Ppi: "Il problema non è tanto con chi stiamo, ma cosa diciamo". Ovvero, il Pd dialoghi pure con Hollande e gli altri socialisti europei, ma avendo chiaro qual è il 'Dna' del partito, che non è semplicemente la versione italiana del socialismo europeo. Boccia, lettiano, nel merito non deve pensarla troppo diversamente da Tonini. Ma, in questo momento, preferisce evitare discussioni: "Ma 48 ore di tranquillità no? Non ci potevamo godere l'accordo tra Monti e i partiti, che è una tappa importante? Mettersi a discutere di cosa succede in Francia, negli Usa o in Cina è un esercizio che può appassionare alcuni ma è completamente sganciato dalla realtà e serve a riscoprire l'immancabile Tafazzi. Le scelte europee sono importanti, ma prima spegniamo il fuoco nella casa che brucia. ".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Ncd
Alfano: i moderati tornino uniti contro il populismo
Governo
Guerini: assurdo legare data primarie Pd a elezioni politiche
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech