martedì 24 gennaio | 08:43
pubblicato il 01/lug/2013 16:59

Pd: Grassi, piu' idee e meno nomi per un Congresso con Italia al centro

(ASCA) - Roma, 1 lug - ''Le fasi preparatorie del Congresso del Pd sembrano una telenovela, oppure una margherita con i petali da sfogliare e il famoso brocardo ''M'ama, non m'ama''. L'oggetto del desiderio dovrebbe essere l'Italia, invece e' il sindaco di Firenze Matteo Renzi.Non partecipo a questo feeling ed auspico che quanto prima siano chiare non le regole, ma le scelte politiche che devono precedere un Congresso che deve tenere al centro il bisogno di governare il Paese e rilanciarlo''. Lo dichiara in una nota Gero Grassi, vicepresidente del Gruppo Pd alla Camera.

''Io credo che il sindaco di Firenze sia un autorevole personaggio della politica italiana, ma i problemi degli italiani non riguardano soltanto chi fara' il segretario del Pd, ne' tantomeno chi sara' il successore del Presidente del Consiglio Enrico Letta al quale auguriamo lunga vita al governo nell'interesse degli italiani. Se dura, significa che risolve parte dei nostri problemi che ricordo, in sintesi, essere le scelte di fondo che il Paese deve fare per stare al passo dei tempi. Un'Europa che non sia piu' e solo somma di Stati nei settori strategici degli esteri, dell'economia, del welfare, della difesa, del lavoro, dell'ambiente. Un'Europa che riduca l'influenza del mondo bancario ed economico realizzando l'Europa dei Popoli con un Governo eletto direttamente dai cittadini di tutti gli Stati''. aggiunge Grassi.

''L'Italia: un paese che affronti i temi del Servizio sanitario nazionale che deve restare universalistico e che deve essere uguale in ogni regione. L'Italia, un paese nel quale e' giunto il momento di rivedere l'impianto regionalistico, non per soffocarlo, ma per evitare che dall'attuazione del titolo quinto della Costituzione ne derivi un'autonomia che spesso e' solo quella della spesa.

Sempre sulle regioni e' scandalistico dire che forse e' arrivato anche il momento di pensare ad alcuni opportuni accorpamenti per realizzare le regioni europee anche come dimensioni geografiche e territoriali? Il lavoro: una opportunita' sociale e civile per la realizzazione della persona. Ed allora divieto delle consulenze e inopportunita' morale e legale di continuare a far lavorare i pensionati, mentre i giovani attendono.

L'occupazione - prosegue Grassi - e' un problema strategico del Paese oppure un problema personale di chi ne vive il dramma? Lo Stato deve continuare ad essere momento di soffocamento delle immense risorse umane e naturali che il Paese ha, oppure momento di esaltazione delle stesse al fine di realizzare pienamente il dettato costituzionale? Sono temi questi, insieme ai diritti di cittadinanza, alla giustizia, alla ridistribuzione della ricchezza che mi piacerebbe discutere all'interno del Congresso del Pd. Ecco perche' piu' idee e meno nomi ed avremo un Congresso Pd con l'Italia al centro''.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nega tensione Renzi-Gentiloni su Agcom:non c'è inciucio con Fi
Conti pubblici
Berlusconi: nuova manovra? Rimasti conti da pagare di Renzi
M5s
Di Maio: né Salvini né Meloni, non facciamo alleanze
L.elettorale
Salvini: Consulta deve consentire di andare a elezioni a maggio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4