lunedì 20 febbraio | 04:55
pubblicato il 01/lug/2013 16:59

Pd: Grassi, piu' idee e meno nomi per un Congresso con Italia al centro

(ASCA) - Roma, 1 lug - ''Le fasi preparatorie del Congresso del Pd sembrano una telenovela, oppure una margherita con i petali da sfogliare e il famoso brocardo ''M'ama, non m'ama''. L'oggetto del desiderio dovrebbe essere l'Italia, invece e' il sindaco di Firenze Matteo Renzi.Non partecipo a questo feeling ed auspico che quanto prima siano chiare non le regole, ma le scelte politiche che devono precedere un Congresso che deve tenere al centro il bisogno di governare il Paese e rilanciarlo''. Lo dichiara in una nota Gero Grassi, vicepresidente del Gruppo Pd alla Camera.

''Io credo che il sindaco di Firenze sia un autorevole personaggio della politica italiana, ma i problemi degli italiani non riguardano soltanto chi fara' il segretario del Pd, ne' tantomeno chi sara' il successore del Presidente del Consiglio Enrico Letta al quale auguriamo lunga vita al governo nell'interesse degli italiani. Se dura, significa che risolve parte dei nostri problemi che ricordo, in sintesi, essere le scelte di fondo che il Paese deve fare per stare al passo dei tempi. Un'Europa che non sia piu' e solo somma di Stati nei settori strategici degli esteri, dell'economia, del welfare, della difesa, del lavoro, dell'ambiente. Un'Europa che riduca l'influenza del mondo bancario ed economico realizzando l'Europa dei Popoli con un Governo eletto direttamente dai cittadini di tutti gli Stati''. aggiunge Grassi.

''L'Italia: un paese che affronti i temi del Servizio sanitario nazionale che deve restare universalistico e che deve essere uguale in ogni regione. L'Italia, un paese nel quale e' giunto il momento di rivedere l'impianto regionalistico, non per soffocarlo, ma per evitare che dall'attuazione del titolo quinto della Costituzione ne derivi un'autonomia che spesso e' solo quella della spesa.

Sempre sulle regioni e' scandalistico dire che forse e' arrivato anche il momento di pensare ad alcuni opportuni accorpamenti per realizzare le regioni europee anche come dimensioni geografiche e territoriali? Il lavoro: una opportunita' sociale e civile per la realizzazione della persona. Ed allora divieto delle consulenze e inopportunita' morale e legale di continuare a far lavorare i pensionati, mentre i giovani attendono.

L'occupazione - prosegue Grassi - e' un problema strategico del Paese oppure un problema personale di chi ne vive il dramma? Lo Stato deve continuare ad essere momento di soffocamento delle immense risorse umane e naturali che il Paese ha, oppure momento di esaltazione delle stesse al fine di realizzare pienamente il dettato costituzionale? Sono temi questi, insieme ai diritti di cittadinanza, alla giustizia, alla ridistribuzione della ricchezza che mi piacerebbe discutere all'interno del Congresso del Pd. Ecco perche' piu' idee e meno nomi ed avremo un Congresso Pd con l'Italia al centro''.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, ultima trattativa con Emiliano su primarie dopo comunali
Pd
Cuperlo a Renzi: scendi da auto, non fare 'Gioventù bruciata'
Pd
Renzi si dimette da segretario Pd, ora candidature o congresso
Pd
Renzi apre congresso Pd, minoranza accusa: "Sceglie scissione"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia