venerdì 20 gennaio | 23:31
pubblicato il 10/mag/2013 17:54

Pd: Fassino si sfila. Chiti-Finocchiaro in lizza ma rispunta Epifani

(ASCA) - Roma, 10 mag - A meta' pomeriggio, gli ultimi sondaggi fatti dal comitato che prepara l'Assemblea nazionale del Pd indicano che sono rimasti tre i nomi in lizza - quattro se si considera una possibile riedizione dell'ipotesi Guglielmo Epifani - per l'elezione del segretario reggente del partito, da qui al Congresso fissato per il prossimo mese di ottobre: Vannino Chiti, Piero Fassino (prova a sfilarsi con una dichiarazione, ''Sono a Torino e faccio il sindaco'', ma alcuni provano a insistere sul suo nome) e Anna Finocchiaro. Luigi Zanda, Roberto Speranza, Ivan Scalfarotto, Marina Sereni, Enzo Amendola e David Sassoli stanno sondando gli umori delle varie correnti del Pd. Il comitato non dispera di trovare una soluzione unitaria in tarda serata, in modo che in apertura di Assemblea nazionale, convocata domani alle 10 presso la Fiera di Roma, si possa iniziare la discussione su un nome il piu' possibile condiviso.

Tutti e tre i nomi rimasti in ballottaggio vengono dai Ds.

Chiti e' stato presidente della Regione Toscana dal 1992 al 2000, quando e' nominato sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri con delega all'editoria. Al termine delle elezioni politiche del 2006 viene nominato ministro per i Rapporti con il Parlamento e delle Riforme Istituzionali del secondo governo Prodi. Dopo essere stato eletto senatore alle successive elezioni dal 2008, e' stato vicepresidente del Senato fino allo scorso febbraio. Fassino ha iniziato le sue esperienze di governo nel 1996: sottosegretario agli Esteri nel governo Prodi, ministro del Commercio estero nel governo D'Alema e ministro della Giustizia nel Governo Amato.

Nel 2001, dopo il Congresso nazionale tenutosi a Pesaro, e' diventato segretario dei Ds fino al 2007, quando e' nato il Pd. Anna Finocchiaro, eletta pochi giorni fa presidente della commissione Affari costituzionali, e' stata ministro per le Pari opportunita' nel Primo governo Prodi e presidente dei senatori del Pd nella XV e XVI legislatura. Tramontata l'ipotesi di eleggere nel ruolo di segretario reggente Roberto Speranza, giovane capogruppo alla Camera, si opta ormai per l'identikit di un ''esperto''. Tra i candidati outsider resta anche Guglielmo Epifani, ex segretario della Cgil, eletto nei giorni scorsi presidente della commissione Attivita' produttive della Camera.

gar/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: stanziati 30 milioni per l'emergenza
Maltempo
Rigopiano, Gentiloni: grazie a chi salva vite, forza e coraggio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4