domenica 04 dicembre | 13:21
pubblicato il 26/nov/2013 12:00

Pd: escalation violenta Berlusconi, pronto a incendiare Italia

Leva: "forze democratiche facciano arginare a difesa democrazia"

Pd: escalation violenta Berlusconi, pronto a incendiare Italia

Roma, 26 nov. (askanews) - "Stiamo assistendo a un'escalation con toni sempre più violenti da parte di Berlusconi. Oramai è chiaro che per sfuggire alla legge è pronto a incendiare l'Italia. Cedere al suo ricatto e alle sue minacce, creerebbe un precedente devastante per la tenuta stessa delle istituzioni democratiche". Lo ha affermato in una dichiarazione il responsabile Giustizia del Partito Democratico Danilo Leva. "Invocare la piazza contro una sentenza emessa da un tribunale - ha denunciata ancora Leva- rappresenta un punto di rottura con la storia della repubblica e con il nostro sistema democratico. E' una strategia che mira a produrre tensione logorando il paese e che rende Berlusconi sempre più anti-stato. Di fronte a queste parole le forze politiche democratiche hanno il dovere di reagire costruendo un argine in difesa delle istituzioni".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari