sabato 03 dicembre | 16:47
pubblicato il 22/ott/2013 16:47

Pd: Epifani e Manciulli incontrano Gen.Camporini, che aderisce a partito

(ASCA) - Roma, 22 ott - ''Il segretario del Partito Democratico, Guglielmo Epifani, e il responsabile Europa e Difesa della segreteria nazionale, Andrea Manciulli, hanno incontrato questa mattina il generale Vincenzo Camporini, ex Capo di Stato Maggiore della Difesa dal 2008 al 2011''. E' quanto si legge in una nota del Pd.

''Nel corso dell'incontro, il generale Camporini ha espresso la volonta' di iscriversi al Pd e di dare il proprio contributo sulla base dell'esperienza accumulata nei diversi incarichi che ha ricoperto nel settore della Difesa (tra l'altro dal 2004 al 2006 ha retto il Centro Alti Studi della Difesa e dal 2006 al 2008 e' stato Capo di Stato Maggiore dell'Aeronautica). Epifani e Manciulli hanno espresso il proprio apprezzamento per la decisione del generale Camporini e lo hanno ringraziato per il sostegno che potra' portare all'attivita' del Pd e del gruppo parlamentare, in particolare sui temi del Consiglio Europeo della Difesa'', conclude la nota. com-ceg

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari