sabato 03 dicembre | 04:02
pubblicato il 22/apr/2016 08:48

Pd, Enrico Rossi: Renzi tra un anno potrebbe essere stanco

"Quando si voterà per la segreteria"

Pd, Enrico Rossi: Renzi tra un anno potrebbe essere stanco

Firenze, 22 apr. (askanews) - "Credo che il velocismo sia la sua forza ma anche il suo limite. Tra un anno, quando si voterà per la direzione, potrebbe essere subentrata un po' di stanchezza". Così Enrico Rossi, candidato alla segreteria del Pd, parlando del premier Matteo Renzi in un'intervista a "Il Venerdì" di Repubblica.

"L'uomo giusto per battere Berlusconi - prosegue Rossi - non è necessariamente quello giusto a guidare il Pd. Bisogna ridare senso alla militanza, rifuggire da tentazioni leaderistiche. E, fuori dal partito, ascoltare le associazioni sul territorio. Come insegnano i genetisti, le specie si rafforzano grazie alla variabilità intra-specifica, ovvero l'insieme delle differenze tra i membri della stessa specie. Vale per tutti, anche per il Partito democratico. Sarà una corsa in salita, ma so che se avessi deciso di non correrla sarebbe stato solo per codardia".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari