sabato 03 dicembre | 04:00
pubblicato il 31/mar/2014 12:00

Pd dice no a Forza Italia: "prima voto su Senato, poi Italicum"

Zanda-Speranza respingono richiesta Brunetta-Romani

Pd dice no a Forza Italia: "prima voto su Senato, poi Italicum"

Roma, 31 mar. (askanews) - No dei capigruppo del Pd alla richiesta dei capigruppo di Fi di far vortare a palazzo Madama prima l'Italicum e poi la riforma costituzionale del Senato. "La logica e la ragionevolezza istituzionale rendono non solo opportuno ma anche necessario che, almeno in prima lettura, la riforma del Senato venga approvata prima della riforma elettorale. Con un bicameralismo paritario non avrebbe alcun senso prevedere ancora una volta leggi elettorali diverse per Camera e Senato", hanno affermato in una nota congiunta i capigruppo di senatori e deputati del Pd, Luigi Zanda e Roberto Speranza, replicando alla nota congiunta dei capigruppo Fi Paolo Romani e Renato Brunetta.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari