lunedì 16 gennaio | 16:26
pubblicato il 17/set/2014 19:32

Pd: da aula Senato ok a odg su regolamento fecondazione eterologa

Dirindin: attuare senza indugio modalita' per effettuarla (ASCA) - Roma, 17 set 2014 - Il governo proceda "senza indugio a dare attuazione a quelle parti della direttiva del 2006 che non erano state ancora recepite dal nostro ordinamento nazionale e che consentono di regolare le modalita' con le quali potra' essere effettuata la fecondazione eterologa attraverso un semplice regolamento del ministero". E' l'impegno contenuto in un ordine del giorno accolto dall'aula del Senato. "E' la conferma - dichiara la senatrice Nerina Dirindin, capogruppo Pd in commissione Sanita' a Palazzo Madama - di quello che abbiamo sempre sostenuto ovvero che per mettere in campo una regolamentazione dell'eterologa non serve una legge. Se poi, una volta fatto quello che si puo' fare per via amministrativa, ci sara' bisogno di una legge, il Parlamento fara' la sua parte. Ma ora tocca al ministro Lorenzin e ci aspettiamo che proceda in fretta per mettere a punto il regolamento".

Pol/Arc

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Fca
Fca, Delrio: richiesta Germania a Ue del tutto irricevibile
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Kawasaki al Motor Bike Expo di Verona dal 20 al 22 gennaio
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda uomo, i quadri viventi di Antonio Marras
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, mobilità sempre più ecosostenibile DriveNow