domenica 04 dicembre | 13:25
pubblicato il 15/ott/2012 21:09

Pd/ D'Alema invoca partito, Bersani evita 'grana' ricandidature

Veltroni spariglia.Segretario tace.E farà decidere base e partito

Pd/ D'Alema invoca partito, Bersani evita 'grana' ricandidature

Roma, 15 ott. (askanews) - La questione ricandidature era già delicata, la campagna di 'rottamazione' di Matteo Renzi stava già creando più di un problema ai vertici del Pd e la mossa di Walter Veltroni ha ulteriormente complicato tutto. Intanto perché l'ex segretario ha scelto di dare il suo annuncio proprio nel giorno della partenza della campagna per le primarie di Pier Luigi Bersani, togliendo parecchio spazio al segretario e la cosa ha dato parecchio fastidio nel giro bersaniano. Ma, soprattutto, perché adesso il tema ricandidature diventa ancora più delicato, non c'è solo il sindaco di Firenze ad incalzare, e non è un caso che proprio oggi Massimo D'Alema abbia voluto mandare un segnale chiaro: "La mia disposizione è a non candidarmi. Quindi, semmai, potrò candidarmi se il partito mi chiede di farlo". Il problema è che Bersani pare intenzionato a lasciare, come prevede lo statuto, che sia la direzione del partito ad occuparsi della vicenda, evitando di prendere posizione nella diatriba e limitandosi a ribadire i 'principi genarali', come fa quando dice che non ci possono essere "foglie nuove senza radici". Il fatto è che, raccontano, D'Alema nelle ultime settimane si era già sfogato con più di un dirigente democratico: la campagna di Renzi è intollerabile, avrebbe detto, mi aspetterei di sentire una parola dal vertice del partito su questo. Secondo alcune versioni maliziose, persino le frasi pronunciate oggi da D'Alema volevano sottolineare proprio il silenzio del partito di fronte agli attacchi di Renzi. A chi gli ha chiesto se fosse d'accordo con Rosy Bindi che, secondo quanto riportato da Repubblica avrebbe detto che il partito deve difendere i suoi dirigenti, D'Alema ha replicato: "Assolutamente non sono d'accordo. Come vedete io sono stato difeso dagli attacchi di Renzi da rettori di molte delle principali università, non dal partito. Non è il partito, sono gli elettori che ci difendono". Bersani, racconta più di un dirigente, vuole promuovere un deciso rinnovamento, senza però falcidiare l'intero gruppo dirigente. Soprattutto, il segretario sembra poco intenzionato a farsi trascinare nella polemica. Qualcuno fa notare che l'appello 'pro-D'Alema' apparso oggi sull'Unità è anche un modo per ricordare al segretario che dirigenti come l'ex ministro degli esteri sono in grado di spostare ancora molti voti sul territorio. Un argomento 'forte' in vista di primarie come quelle che si terranno a fine novembre.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari