lunedì 23 gennaio | 12:04
pubblicato il 12/giu/2014 20:36

Pd: Cuperlo, errore sostituire Mineo ma rispetto volonta' maggioranza

Pd: Cuperlo, errore sostituire Mineo ma rispetto volonta' maggioranza

(ASCA) - Roma, 12 giu 2014 - ''Personalmente la vedo cosi'.

Penso che la decisione di sostituire Mineo sia stata un errore e che si dovesse evitare in ogni modo di arrivare a questo esito''. Lo scrive Gianni Cuperlo su Facebook spiegando che ''la mia opinione sul merito della riforma e' che non si debba demonizzare l'elezione indiretta del Senato (per altro si puo' discutere seriamente sulla soluzione ''francese'). Il punto e' chiarire bene quali funzioni e prerogative avra' la nuova Camera Alta, in particolare sul fronte degli equilibri e del bilanciamento dei poteri. Penso anche che Mineo avrebbe dovuto esprimersi liberamente e far pesare tutte le sue convinzioni e dubbi, come del resto ha potuto fare. Poi, di fronte a una deliberazione della maggioranza, e' giusto nel voto finale della commissione rispettare la disciplina di gruppo. Questo non avrebbe impedito a lui e ad altri colleghi di lavorare a una correzione e miglioramento del testo al momento del passaggio in Aula''. Cuperlo sostiene che ''sia anche compito di una direzione collegiale trovare il giusto equilibrio nella gestione di delicati passaggi parlamentari, ma che la via della sostituzione di un membro di commissione quando egli esprima un dissenso non possa essere il metodo di un partito come il nostro''.

Ora, continua Cuperlo, ''spero che nelle prossime ore si decida di governare il tutto diversamente. Mineo potrebbe riconoscere la logica della disciplina nel voto in commissione (quando aderisci a un gruppo parlamentare capita non una ma decine di volte di votare senza condividere in toto o in parte la posizione della maggioranza. A me e' accaduto anche sulla legge elettorale, ma ho rispettato quella disciplina senza la quale non c'e' piu' un gruppo).

Zanda dovrebbe non procedere alla sostituzione di Mineo e a quel punto i 14 colleghi potrebbero rientrare nel gruppo''.

Detto cio', aggiunge, ''siamo davanti a un episodio serio che investe la qualita' del confronto e del pluralismo al nostro interno, il rispetto dell'autonomia di ogni parlamentare e la natura della democrazia con cui si assumono decisioni vincolanti per tutti. La coscienza di ciascuno e' un valore.

Questo e' fuori discussione. Allo stesso modo, non condivido un modello di partito dove chi dissente viene estromesso.

Questa logica non fa bene al Pd e non fa il bene del governo.

Proviamo a fare tutti un passo indietro e a cercare tutti una soluzione migliore''.

com-fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4