domenica 04 dicembre | 05:30
pubblicato il 07/dic/2013 11:18

Pd: Cuperlo, diritti civili parte costitutiva della democrazia

Pd: Cuperlo, diritti civili parte costitutiva della democrazia

(ASCA) - Roma, 7 dic - ''L'Italia deve fare passi avanti sul tema dei diritti civili perche' ha ritardi seri. I diritti civili non possono essere considerati un lusso, ma sono una parte fondamentale e costitutiva della qualita' della democrazia''. Lo ha affermato Gianni Cuperlo, candidato alla segreteria del Pd, in occasione della manifestazione del popolo LGBT in programma oggi a Roma. ''Sono percio' al vostro fianco - ha aggiunto - e mi impegno a sostenere quelle leggi utili a mettere il nostro Paese al passo con le legislazioni piu' avanzate d'Europa. Quindi, pari diritti per le coppie gay e lesbiche, tutela della genitorialita' omosessuale, una buona legge contro l'omofobia e la transfobia, revisione della legge 40, riforma della legge 164 sui dati anagrafici per le persone transessuali, sono scelte ineludibili che vanno nella direzione di rendere l'Italia un Paese piu' libero e giusto'', ha concluso.

com-brm/sam/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari