martedì 06 dicembre | 07:15
pubblicato il 08/gen/2013 20:32

Pd: Ceccanti, e' definitivo non sono candidato

Pd: Ceccanti, e' definitivo non sono candidato

(ASCA) - Roma, 8 gen - Amarezza per essere stato lasciato fuori dalle candidature del Pd e' espressa dal costituzionalista Stefano Ceccanti, senatore uscente del Partito democratico. Senatore che nel Pd e' stato sempre legato alle posizioni liberal che ne hanno motivato la sua vicinanza a Walter Veltroni e piu' recentemente anche ad esprime apprezzamenti verso Mario Monti, per cui e' stato annoverato tra i 'montiani' del partito.

''Non e' servito -sottolinea con amarezza- essere al quinto posto per produttivita' complessiva di tutti i senatori, secondo del gruppo Pd. Non sono serviti il 95 per cento di presenza alle votazioni, i 719 interventi in Aula e Commissione, l'essere stato primo firmatario di 33 progetti di legge soprattutto in materia elettorale e istituzionale, relatore delle leggi sul dimezzamento dei rimborsi elettorali e sull'anti-corruzione, sulle nuove Intese con le confessioni religiose di minoranza, Ortodossi, Apostolici, Mormoni, Buddisti, Induisti, nocnhe' il ruolo di relatore di minoranza contro leggi del Governo Berlusconi''.

''Non e' servita -prosegue il professore Ceccanti- la lealta' dimostrata nel non aver mai rotto la disciplina di Gruppo, ne' in Commissione ne' in Aula, anche quando le mie opinioni erano diverse, ne' l'aver lavorato per alcuni anni alla Presidenza del Gruppo, in particolare in raccordo con l'ufficio legislativo''.

''Dato quindi che l'esclusione non e' motivabile ne' in termini di anni di legislatura, ne' di produttivita', ne' di slealta', l'unica interpretazione plausibile e' che si tratti di una chiara scelta politica. Una scelta che ha ritenuto incompatibile la mia presenza in Parlamento a causa della costante sottolineatura del dovere di continuita', pur nel mutato contesto politico, con l'agenda Monti, che il Pd aveva lealmente sostenuto come partito fino a poche settimane fa.

Capisco, peraltro, che questa e' la causa delle mancate ricandidature e delle mancate nuove immissioni di una significativa area politica, pur minoritaria''. ''Prendo quindi atto con amarezza e, in parte, con stupore, che un Partito che si dichiara Democratico si rivela avere una concezione cosi' limitativa del proprio pluralismo interno. Un dato su cui meditare seriamente'' conclude Ceccanti.

min

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Italicum a rischio, è già dibattito sulla nuova legge elettorale
Riforme
Dopo il voto Renzi dimissionario al Colle. Mattarella arbitro
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Stamattina colloquio informale Mattarella-Renzi al Quirinale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari