sabato 03 dicembre | 22:56
pubblicato il 12/dic/2013 19:08

Pd: Bordo, Cuperlo accetti la presidenza del partito

(ASCA) - Roma, 12 dic - ''Cuperlo dovrebbe accettare di ricoprire il ruolo di presidente dell'assemblea del Pd perche' cosi' anche simbolicamente, darebbe il segno della conclusione della fase congressuale e delle lacerazioni conseguenti. In questa fase e' giusto che la parte che ha perso le primarie dia fino in fondo la disponibilita' a lavorare unitariamente nel partito, anche al fine di affermare meglio le sue posizioni. Renzi deve pero' aiutare di piu' di quanto non abbia fatto in questi giorni il processo di distensione tra le diverse anime, avendo ad esempio rispetto per chi ha contribuito a fondare il Pd.Il rilancio ed anche il rinnovamento del partito non possono prescindere dalle sue radici''. E' quanto scrive, sul suo profilo Facebook, il presidente della Commissione per le Politiche Ue della Camera, Michele Bordo (Partito Democratico).

''Dobbiamo sforzarci tutti, Renzi per primo - prosegue Bordo - per assicurare il governo unitario del partito perche' sarebbe sbagliato avere al suo interno la maggioranza e l'opposizione come se fossimo in Parlamento. Il partito e' uno e uno solo anche se questo non significa annullare le differenze politiche che, anzi, vanno rispettate e valorizzate''.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari