lunedì 05 dicembre | 01:53
pubblicato il 05/feb/2011 19:17

Pd/ Bersani: Pronto progetto per Italia. D'Alema: Alternativa c'è

Veltroni: passo avanti. Ma si riapre dibattito su primarie

Pd/ Bersani: Pronto progetto per Italia. D'Alema: Alternativa c'è

Roma, 5 feb. (askanews) - Pier Luigi Bersani è soddisfatto. Il Pd ha concluso il suo percorso per la creazione di un programma di governo per l'Italia. L'assemblea di Roma, la terza dedicata alla stesura delle proposte, ha approvato i documenti che completano il quadro del 'Manifesto per l'Italia' che verrà ora presentato alle forze sociali e alle forze politiche di opposizione. E con il segretario oggi si è schierato anche Massimo D'Alema per sottolineare che "l'alternativa c'è", il partito è in campo. Per qualunque evenienza. Perchè in realtà i dirigenti democratici hanno capito che l'ipotesi di elezioni anticipate si allontana e che quindi bisogna elaborare una strategia anche per il lungo periodo. L'incertezza sugli sviluppi della crisi del governo e del berlusconismo hanno anche prodotto il risultato di ricompattare il Pd. A testimoniarlo sono le parole di Walter Veltroni, che non è intervenuto nel dibattito, ma ha detto di aver apprezzato la chiusura di Bersani sottolineandone l'apertura alle proposte avanzate dal Lingotto di Modem. Ma l'assemblea ha anche riaperto il dibattito sulle primarie e sui temi etici. Sui secondi si è evitata la spaccatura con una mediazione che ha portato alla costituzione di un Comitato ad hoc presieduto da Rosy Bindi ma con dentro tutte le anime del partito, compreso Ignazio Marino, autore di un odg sul biotestamento e di uno sulle unioni di fatto che ha rischiato di spaccare la platea dei delegati. Sul primo punto, invece, è stato il presidente del Copasir a lasciar intendere che si tornerà a parlare delle primarie nel Pd: "Bisogna ripensarne le regole, è rischioso lasciare che voti chiunque", ha detto. Una frase pronunciata a conclusione dei lavori, dopo quindi che l'assemblea aveva approvato un odg unitario su proposta dei segretari regionali che parla di partecipazione nella selezione delle candidature, ma che in sostanza era il prodotto di un'intesa con i 'rottamatori' di Civati, intenzionato fino a metà mattina a mettere ai voti la sua proposta di primarie per la scelta dei candidati al Parlamento.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari