martedì 06 dicembre | 19:37
pubblicato il 09/giu/2012 05:10

Pd/ Bersani ottiene il sì di tutti e lancia la sua corsa

Su primarie con Renzi restano dubbi di molti. Prodi attacca

Pd/ Bersani ottiene il sì di tutti e lancia la sua corsa

Roma, 9 giu. (askanews) - L'operazione è riuscita a Pier Luigi Bersani, il segretario Pd ha ottenuto il sì unanime della direzione sul suo 'patto per la ricostruzione' e, soprattutto, sulla sua candidatura a premier che da oggi è ufficiale e 'blindata' dalle primarie che, ha assicurato, si faranno "entro l'anno". Nonostante i mal di pancia nei confronti del governo dei giovani bersaniani, come Matteo Orfini e Stefano Fassina, la direzione scorre abbastanza liscia e anche i battibecchi sulle nomine alle Autorità restano sullo sfondo. L'unico vero dispiacere, a Bersani, non arriva dalla sala riunioni dove è riunita la direzione, ma da Bologna: Romano Prodi è tornato a 'bombardare' il Pd, con perfida scelta dei tempi, proprio mentre Bersani lanciava la corsa della sua vita. Una stilettata che certo non fa piacere a Bersani, ma che non cancella il risultato ottenuto: il via libera di tutto il partito alla sua candidatura. Certo, come sottolineava proprio il prodiano Giulio Santagata, "anche quelli che solitamente non apprezzano le primarie oggi sono d'accordo, la sensazione è che ci sia un 'non detto', che si pensi che se ne riparlerà seriamente dopo l'estate...". Una lettura maliziosa che sembra avere qualche fondamento: nei giorni scorsi praticamente tutto il gruppo dirigente - D'Alema, Bindi, Letta, Finocchiaro, Franceschini, Fioroni - aveva fatto pressione sul segretario perché frenasse sull'idea di primarie. Qualcuno dice che Bersani aveva anche deciso una data e che poi ha accettato di 'sfumare' il percorso partendo dal patto dei progressisti e dei moderati' e limitandosi a fissare "entro l'anno le primarie". Proprio D'Alema, intervenendo in direzione, ha voluto sottolineare: "Io non ho un'opposizione di principio alle primarie, ho posto da lungo tempo l'esigenza di regolarle, di farne non un evento salvifico", non possono essere solo la "scelta del capo", ma "prima ci deve essere un progetto per l'Italia. Il modo in cui Bersani ha posto le cose è un modo serio, c'è prima la proposta politica, poi la legittimazione democratica... Le cose così sono nell'ordine giusto".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi vuole dalla direzione l'ok del Pd a elezioni anticipate
Governo
Alfano: pronostico elezioni anticipate a febbraio
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Udc esce da Ap di Alfano: nuovi gruppi contro voto anticipato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Veronafiere,Danese:con Vinitaly salto qualità nei paesi asiatici
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
I supermercati del futuro di Amazon: niente casse e code
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni