giovedì 08 dicembre | 05:52
pubblicato il 11/apr/2013 08:30

Pd: Bersani insiste sul ''governo di cambiamento'' ma Renzi attacca

Pd: Bersani insiste sul ''governo di cambiamento'' ma Renzi attacca

(ASCA) - Roma, 11 apr - Alta tensione nel Pd tra Matteo Renzi e Pier Luigi Bersani. Il sindaco di Firenze, con una intervista che compare oggi sul ''Messaggero'', torna a parlare della sua bocciatura come grande elettore del nuovo presidente della Repubblica: ''Sembrava che la cosa fosse decisa e poi da Roma l'hanno fatta saltare. Bersani mi ha chiesto lealta'. Io gliel'ho data e questa cosa e' sotto gli occhi di tutti. Mi sto impegnando per il nostro partito andando in giro in campagna elettorale a mie spese. E mentre mi do da fare cosi', Bersani cosa fa: mi attacca. Ma la vogliamo finire?''. Renzi contesta a tutto campo la leadership del suo partito: ''Grillo ha avuto venti giorni di visibilita' mediatica a causa della strategia sbagliata del Pd. Che ha perso tempo. Sono passati invano ben 46 giorni da quando si e' votato e 46 giorni che passano significano aziende che chiudono, cassaintegrati che aumentano, crisi che avanza''. Poi arriva una previsione: ''Io credo che Bersani e Berlusconi l'accordo lo faranno. E a me va bene. Se vogliono fare il governo, pero', abbiano il coraggio di farlo subito. Senno' si vada a votare. Non e' mica un dramma''. Quanto alle sue prospettive, Renzi non ha dubbi: ''Io rimango nel mio partito, in cui sto bene. Odio i partitini personali e credo nel bipolarismo. Il resto non mi interessa. I miei riferimenti sono Blair e Obama''. Il sindaco di Firenze e' tornato a un ritmo di lavoro uguale a quello che ha avuto nel corso della competizione nelle primarie del centrosinistra: oggi sara' a Roma per partecipare al Tg diretto da Enrico Mentana su La7 e per registrare la sua partecipazione alla puntata di ''Porta a Porta'' su Raiuno. Prima di arrivare a Roma, Renzi potrebbe incontrare Massimo D'Alema a Firenze. Se i due leader si incontrassero davvero (la notizia non e' stata confermata dagli interessati), sarebbe un gesto di bon ton politico dopo le violente polemiche nella campagna per le primarie su rottamati e rottamatori. In quell'occasione, D'Alema arrivo' fino a minacciare la rottura del Pd e del centrosinistra qualora Renzi avesse battuto Bersani. Il segretario del Pd sceglie l'intervista al Tg1 di ieri sera per replicare al sindaco di Firenze e insistere sulla sua proposta di ''governo di cambiamento'': ''Nella sequela di quotidiane molestie mi vedo oggi attribuiti non so quali giochini tesi a impedire la nomina di Renzi a grande elettore per la Toscana. Smentisco dunque di aver deciso o anche solo suggerito, o anche solo pensato alcunche', a proposito di una scelta che riguarda unicamente il consiglio regionale Toscana''. Quanto alle telefonate che sarebbero giunte da Roma per evitare l' elezione di Renzi, Bersani sceglie il tasto dell'ironia: ''Chiedete a Telecom, non ho fatto nessunissima telefonata e pregherei di credere che, con tutti i problemi che ci sono, l'ultimo e' decidere dei 494 nostri grandi elettori chi sia l'uno o l'altro''. La controreplica non si fa attendere: ''Il gruppo regionale del Pd in Toscana ha scelto in altro modo. Io rispetto le decisioni del gruppo. Non mi abituero' mai pero' alla doppiezza: quello che dico, lo dico in faccia''. Che la situazione nel Pd rischi di precipitare lo attesta un passaggio dell'intervista di Dario Franceschini, ex capogruppo alla Camera, concessa ieri sera alla trasmissione ''Le invasioni barbariche'' su La7 in cui allude al problema scissione: ''Si', per la prima volta sono preoccupato che ci sia un riconoscimento di provenienza e che, se sbagliamo, ci possa essere una divisione. Sarebbe un dramma, non per il Pd ma per il Paese''. A prendere le distanze da Bersani e' anche Rosy Bindi nel corso di una intervista a ''la Stampa'': ''Nessun baratto per il Colle, nemmeno per il ''si parta' per il governo di minoranza, come sostiene Vendola''. Precisa l'ex vicepresidente della Camera: ''Invocare una sorta di lasciapassare dal centrodestra, sperando che un po' di senatori del Pdl escano dall' Aula, significa consegnare le chiavi del nostro ''governo di cambiamento' a Berlusconi. Se Bersani non ce la fa, per evitare il voto anticipato e fare le riforme, meglio il governo di scopo''. Le polemiche interne al Pd colpiscono pure la manifestazione indetta per sabato mattina presso il quartiere romano di Corviale ''contro la poverta' e per un governo di cambiamento'', nella quale interverranno - coordinati da Gad Lerner - Nicola Zingaretti, presidente della Regione Lazio, Ignazio Marino, il candidato del centrosinistra a sindaco di Roma. Sono annunciate le conclusioni di Bersani. La manifestazione potrebbe essere disertata da renziani, veltroniani ed ex Margherita che rilasciano dichiarazioni critiche: ''Un grande partito, piu' che manifestare contro la poverta', dovrebbe fare proposte in merito, governare e far vedere come si affronta il problema''. gar/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni