lunedì 27 febbraio | 17:45
pubblicato il 04/nov/2011 20:56

Pd/ Bersani domani in piazza con occhi puntati sui dissidenti Pdl

Segretario lancia alternativa e attende sviluppi da maggioranza

Pd/ Bersani domani in piazza con occhi puntati sui dissidenti Pdl

Roma, 4 nov. (askanews) - Pier Luigi Bersani porterà le sue 'truppe' in piazza domani, una manifestazione per la "Ricostruzione", fatta "In nome del popolo italiano", come recitano gli slogan scelti per l'iniziativa. Un appuntamento fissato tempo fa, per il quale sono state mobilitate tutte le energie del partito, organizzati treni, pullman, chiamati artisti ad esibirsi sul palco: quasi un'apertura di campagna elettorale, anche se le sorti della legislatura si decideranno solo nelle prossime settimane. Bersani, comunque, illustrerà la sua 'piattaforma' alternativa, le sue idee "per ridare un po' di fiducia". Idee che saranno l'ossatura del programma elettorale, in caso di elezioni. Bersani, non da oggi, è convinto che Silvio Berlusconi non lascerà mai il Governo in favore di un Mario Monti, l'esecutivo 'modello Ciampi' per il segretario Pd è di difficile realizzazione per il no del Cavaliere. Una tesi finora confermata anche dalla linea che il segretario Pdl Angelino Alfano ha esposto anche al capo dello Stato: "O Berlusconi o elezioni". E Bersani, come ha ripetuto anche questa sera, è disponibile solo ad un Governo con dentro anche il Pdl: il Pd darà il suo sostegno a "un governo di emergenza o di transizione a condizione che sia composto da persone autorevoli, che non sia un ribaltone, e che non viva sul cabotaggio di un voto che arriva o no". Tradotto, appunto, come spiegato al capo dello Stato, ci vuole un Governo con una larghissima base parlamentare, oppure non se ne fa niente. Concetti che domani Bersani ripeterà dal palco di piazza San Giovanni. E stando alle posizioni attuali di Berlusconi, appunto, mettere su un Governo Monti appare impresa ardua. Il fatto è che la maggioranza continua a perdere pezzi, Pier Ferdinando Casini ha assicurato che altri esponenti Pdl lasceranno Berlusconi e, dunque, la crisi di Governo appare dietro l'angolo. Il problema sarà capire quale sarà a quel punto la mossa di Berlusconi: secondo alcuni, di fronte allo sfaldamento della maggioranza Berlusconi potrebbe decidere di gestire la situazione e proporre un Governo Letta. Scenario di fronte al quale il Pd si tirerebbe indietro e, in teoria, anche il 'terzo polo'. Casini, in realtà, sarebbe anche disposto a prendere in considerazione l'ipotesi, ma il leader Udc ha stretto un patto con Bersani su questo: nessuna stampella al centrodestra. (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Calcio
Renzi: Ranieri tradito dai suoi giocatori, ma tornerà...
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Dp
Rossi: noi fermeremo Grillo, alleanza con Pd se vince Orlando
Vitalizi
M5s: pensioni parlamentari come cittadini, basta ok a delibera
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech