lunedì 23 gennaio | 16:28
pubblicato il 17/ott/2012 05:10

Pd/ Bersani divorzia da D'Alema, allarma 'big': Regalo a Renzi

Fioroni: Si sono presi a schiaffi, ma in direzione

Pd/ Bersani divorzia da D'Alema, allarma 'big': Regalo a Renzi

Roma, 17 ott. (askanews) - Alla fine c'è stata pure una telefonata e i rispettivi staff assicurano che si è trattato di un colloquio assolutamente sereno durante il quale entrambi hanno capito le ragioni dell'interlocutore. Ma la verità è che qualche tensione c'era già da settimane e il dato di fatto è che il botta e risoposta pubblico andato in scena negli ultimi due giorni tra Pier Luigi Bersani e Massimo D'Alema è qualcosa di epocale nel Pd, un divorzio che rischia di coinvolgere tutto il gruppo dirigente. "Si sono presi a schiaffi - chiosava Giuseppe Fioroni, uno di quelli che la 'rottamazione' non l'amano affatto - ma poi sarà la direzione a decidere le liste". Ma anche chi, come la prodiana Sandra Zampa, plaude alla mossa del segretario, parla comunque di "rivoluzione" in atto: "Bersani ci mette la faccia, ha diritto di essere l'unico protagonista. La rivoluzione doveva farla e l'ha cominciata". "Rivoluzione" è la parola chiave. Il dato che non sfugge a nessuno, né a chi apprezza né a chi storce il naso, è che Bersani non ha solo "scaricato" D'Alema, come ha titolato subito Sky Tg24, ma ha praticamente 'scomunicato' tutto il vecchio gruppo dirigente del Pd, facendo capire che sono gradite solo poche e giustificatissime eccezioni alla regola del ricambio. Rosy Bindi si rifiuta di rispondere ai cronisti delle agenzie, ma chi ci ha parlato la racconta infuriata per la piega 'renziana' del segretario; Dario Franceschini e Anna Finocchiaro non hanno aperto bocca, Enrico Letta dice che nel 2013 si ricandiderà, sia pure "per l'ultima volta". In pratica, tutti i 'vecchi' (politicamente, non necessariamente di età) hanno vissuto molto male la presa di distanza del segretario, peraltro già nell'aria. L'unico che ha l'aria davvero serena è Walter Veltroni, che dopo aver spiazzato tutti con l'annuncio del suo ritiro può ora godersi lo spettacolo di un gruppo dirigente in piena fibrillazione. "E' un regalo a Renzi - hanno commentato parecchi 'big' del partito - lo insegue sul suo terreno, chissà se Bersani ha fatto bene i conti per le primarie...".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Conti pubblici
Berlusconi: nuova manovra? Rimasti conti da pagare di Renzi
Pd
Pd nega tensione Renzi-Gentiloni su Agcom:non c'è inciucio con Fi
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Il Mascagni Luxury Dépendance entra nel circuito Space Hotels
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4