domenica 04 dicembre | 18:03
pubblicato il 24/apr/2013 16:58

Pd: Bersani, cosa mi rimprovero? Forse di non aver detto prima qualcosa

Pd: Bersani, cosa mi rimprovero? Forse di non aver detto prima qualcosa

(ASCA) - Roma, 24 apr - ''Il Paese ha bisogno di soggetti politici in grado di prendere delle decisioni, non di spazi politici. Io ho detto rischiamo - se non correggiamo questo difetto - di non essere servibili per il Paese che, invece, ha bisogno di noi: perche' se non ci siamo noi, non vedo soluzioni, francamente''. Lo ha detto il segretario dimissionario del PD Pier Luigi Bersani alle telecamere di Servizio Pubblico, il programma di Michele Santoro in onda domani sera su La7, a partire dalle 21.10.

''Abbiamo un problema politico da aggiustare, un problema serio, ma io dico che il Pd e' una storia di successo, e davanti alle responsabilita' dobbiamo attrezzarci meglio''.

Alla domanda del giornalista, Luca Bertazzoni, se si rimprovera qualcosa, Bersani risponde: ''Figuriamoci, tante cose. Mi chiede la prima che mi viene in mente? Di non aver detto prima qualcosa''. A chi? ''Ai nostri''.

com-ceg/mau/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari