sabato 03 dicembre | 11:03
pubblicato il 29/nov/2012 21:58

Pd/ Bersani 'aspetta' Monti ma prepara piano B, apertura al Prof

Segretario spera che Professore non si candidi, ma non rompe

Roma, 12 dic. (askanews) - Mario Monti farebbe meglio a "restare al riparo", ma Pier Luigi Bersani è anche molto attento a non entrare in rotta di collisione con il Professore-premier. L'ipotesi di un Monti alla guida dei centristi ovviamente non piace al segretario Pd, il tecnico che diventa politico sarebbe automaticamente un rivale per la corsa a palazzo Chigi, ma ci sono almeno due ragioni se Bersani oggi ha voluto smentire con forza una frase tra virgolette che Repubblica gli attribuiva ("Mario ci fa perdere voti"). Innanzitutto, ovviamente, il leader Pd non vuole accreditare l'idea che il suo elettorato potrebbe preferire Monti, alla vigilia della campagna elettorale, spiegano, non si dà l'impressione di essere timorosi. Ma, aggiunge qualcuno, c'è anche una ragione più politica dietro la smentita: in ogni caso, non ci si può mettere in rotta di collisione con Monti. Parlando al Tg1, il segretario Pd ha dapprima inevitabilmente ostentato sicurezza sul risultato del Senato ("Avremo i numeri"), ma poi ha ribadito l'intenzione di aprire l'interlocuzione anche a "formazioni di centro europeiste, costituzionali, che siano contro il populismo di Berlusconi e della Lega". Non solo, ma il leader Pd ha parlato della cosiddetta 'agenda Monti' come mai aveva fatto finora, quando gli è stato chiesto quale sarà la sua 'ricetta' per governare: "Quella di Monti più qualcosa: ci vuole rigore e austerità, ma anche un po' di lavoro, equità". E persino su "equità e lavoro" il leader Pd ha di fatto 'assolto' Monti dalla colpa di non aver fatto abbastanza: "Credo sia stato trattenuto da una maggioranza spuria...". Stamattina, sull'Unità, il presidente delle Acli Andrea Olivero, uno dei 'montiani', invocava un 'patto' tra Bersani e Monti, possibilmente prima del voto ma al limite anche dopo. Quello delle Acli è un modo al quale il Pd guarda, anche per una possibile lista 'moderata' alleata alla quale Bruno Tabacci starebbe pensando. Ma, soprattutto, Olivero dice quello di cui sempre più si convince anche Bersani: che con l'area rappresentata da Monti sarà necessario interloquire.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari