martedì 24 gennaio | 15:12
pubblicato il 29/nov/2012 21:58

Pd/ Bersani 'aspetta' Monti ma prepara piano B, apertura al Prof

Segretario spera che Professore non si candidi, ma non rompe

Roma, 12 dic. (askanews) - Mario Monti farebbe meglio a "restare al riparo", ma Pier Luigi Bersani è anche molto attento a non entrare in rotta di collisione con il Professore-premier. L'ipotesi di un Monti alla guida dei centristi ovviamente non piace al segretario Pd, il tecnico che diventa politico sarebbe automaticamente un rivale per la corsa a palazzo Chigi, ma ci sono almeno due ragioni se Bersani oggi ha voluto smentire con forza una frase tra virgolette che Repubblica gli attribuiva ("Mario ci fa perdere voti"). Innanzitutto, ovviamente, il leader Pd non vuole accreditare l'idea che il suo elettorato potrebbe preferire Monti, alla vigilia della campagna elettorale, spiegano, non si dà l'impressione di essere timorosi. Ma, aggiunge qualcuno, c'è anche una ragione più politica dietro la smentita: in ogni caso, non ci si può mettere in rotta di collisione con Monti. Parlando al Tg1, il segretario Pd ha dapprima inevitabilmente ostentato sicurezza sul risultato del Senato ("Avremo i numeri"), ma poi ha ribadito l'intenzione di aprire l'interlocuzione anche a "formazioni di centro europeiste, costituzionali, che siano contro il populismo di Berlusconi e della Lega". Non solo, ma il leader Pd ha parlato della cosiddetta 'agenda Monti' come mai aveva fatto finora, quando gli è stato chiesto quale sarà la sua 'ricetta' per governare: "Quella di Monti più qualcosa: ci vuole rigore e austerità, ma anche un po' di lavoro, equità". E persino su "equità e lavoro" il leader Pd ha di fatto 'assolto' Monti dalla colpa di non aver fatto abbastanza: "Credo sia stato trattenuto da una maggioranza spuria...". Stamattina, sull'Unità, il presidente delle Acli Andrea Olivero, uno dei 'montiani', invocava un 'patto' tra Bersani e Monti, possibilmente prima del voto ma al limite anche dopo. Quello delle Acli è un modo al quale il Pd guarda, anche per una possibile lista 'moderata' alleata alla quale Bruno Tabacci starebbe pensando. Ma, soprattutto, Olivero dice quello di cui sempre più si convince anche Bersani: che con l'area rappresentata da Monti sarà necessario interloquire.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Di Maio: né Salvini né Meloni, non facciamo alleanze
L.elettorale
Grillo: legge elettorale sarà quella che deciderà la Consulta
Pd
Fassino: un giovane Prodi? Il Pd un leader ce l'ha già
L.elettorale
Partiti attendono Consulta su Italicum. Già divisi sul day-after
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4