lunedì 20 febbraio | 19:06
pubblicato il 31/ott/2011 05:10

Pd/ Ancora match Renzi-Bersani: "Facce nuove". "Idee vecchie"

Botta e risposta tra Firenze e Napoli. E Cicchitto loda Matteo

Pd/ Ancora match Renzi-Bersani: "Facce nuove". "Idee vecchie"

Roma, 31 ott. (askanews) - Dopo la 'scazzottata' verbale di sabato tra le accuse di Pierluigi Bersani ("I giovani non devono scalciare") e le risposte di Matteo Renzi ("Non sono un asino"), il weekend resta ad altissima tensione nel Pd. Il segretario ha continuato a parlare da Napoli, il sindaco di Firenze ha arringato i suoi alla Stazione Leopolda di Firenze, ma tra le due città il botta e risposta è stato continuo. Renzi ha parlato senza mezzi termini, chiedendo di avere una chance per correre per la leadership del Pd. Con le primarie. "Non è possibile che cambiano tutte le volte i simboli ma le facce restano le stesse: non è così negli altri paesi", ha detto. "Manteniamo il partito che abbiamo e cambiamo i leader per un'Italia diversa". Anche se sulle primarie ha precisato: "Io non ho detto 'io ci sono', ho detto 'noi ci siamo'. Ci vuole un 'tocca a te' che è il contrario del 'ghe pensi mi'". La promessa è che per i prossimi tre mesi "faremo wiki-pd, candideremo le nostre idee al Governo del Paese". Esempi: "Dall'abolizione del finanziamento pubblico ai partiti, al dimezzamento dei parlamentari, all'abolizione dei vitalizi per i consiglieri regionali e parlamentari, fino alle grandi questioni di economia nazionale e internazionale. Vorremmo che ci fossero istituzioni elette direttamente dai cittadini, a partire dal presidente dell'Unione europea". La risposta di Bersani non si è fatta attendere. "Nessuna polemica con Renzi", ha detto parlando a margine della scuola di formazione dei giovani del partito a Napoli. "Tutte le idee sono buone e io sono amico di tutti, vedremo le idee, ma 'attenzione' a non scambiare per nuove delle idee che sono un usato degli anni '80 perché con certe idee siamo finiti nei guai...". E sulle primarie: "Io sono l'unico segretario al mondo che chiede primarie vere, non ho paura delle primarie". Il big bang promesso dai leopoldini, per lo meno dal punto di vista mediatico, c'è stato. Se si aggiunge che sul sindaco di Firenze sono piovuti complimenti espliciti dal Pdl, l'effetto sorpresa si può dire raggiunto. Spiega il capogruppo del Pdl Fabrizio Cicchitto che dalla Leopolda è arrivato un "messaggio caratterizzato da forti elementi di novità", per la "prima volta dall'interno del Pd emerge un progetto politico programmatico che cerca di andare davvero oltre il Novecento", oltre "lo scontro sul berlusconismo e l'antiberlusconismo". E chiude con un invito ad Angelino Alfano a darsi da fare col Pdl per farne "un partito democratico e strutturato sul territorio".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Vertici M5s a Roma, possibile incontro Grillo-Raggi in Campidoglio
Pd
Renzi apre congresso Pd, minoranza accusa: "Sceglie scissione"
Sinistra
Nasce Sinistra italiana: "Da D'Alema non col cappello in mano"
Elezioni
Blog Grillo: pazienza italiani ha un limite, lasciateci votare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia