domenica 04 dicembre | 01:19
pubblicato il 31/ott/2011 05:10

Pd/ Ancora match Renzi-Bersani: "Facce nuove". "Idee vecchie"

Botta e risposta tra Firenze e Napoli. E Cicchitto loda Matteo

Pd/ Ancora match Renzi-Bersani: "Facce nuove". "Idee vecchie"

Roma, 31 ott. (askanews) - Dopo la 'scazzottata' verbale di sabato tra le accuse di Pierluigi Bersani ("I giovani non devono scalciare") e le risposte di Matteo Renzi ("Non sono un asino"), il weekend resta ad altissima tensione nel Pd. Il segretario ha continuato a parlare da Napoli, il sindaco di Firenze ha arringato i suoi alla Stazione Leopolda di Firenze, ma tra le due città il botta e risposta è stato continuo. Renzi ha parlato senza mezzi termini, chiedendo di avere una chance per correre per la leadership del Pd. Con le primarie. "Non è possibile che cambiano tutte le volte i simboli ma le facce restano le stesse: non è così negli altri paesi", ha detto. "Manteniamo il partito che abbiamo e cambiamo i leader per un'Italia diversa". Anche se sulle primarie ha precisato: "Io non ho detto 'io ci sono', ho detto 'noi ci siamo'. Ci vuole un 'tocca a te' che è il contrario del 'ghe pensi mi'". La promessa è che per i prossimi tre mesi "faremo wiki-pd, candideremo le nostre idee al Governo del Paese". Esempi: "Dall'abolizione del finanziamento pubblico ai partiti, al dimezzamento dei parlamentari, all'abolizione dei vitalizi per i consiglieri regionali e parlamentari, fino alle grandi questioni di economia nazionale e internazionale. Vorremmo che ci fossero istituzioni elette direttamente dai cittadini, a partire dal presidente dell'Unione europea". La risposta di Bersani non si è fatta attendere. "Nessuna polemica con Renzi", ha detto parlando a margine della scuola di formazione dei giovani del partito a Napoli. "Tutte le idee sono buone e io sono amico di tutti, vedremo le idee, ma 'attenzione' a non scambiare per nuove delle idee che sono un usato degli anni '80 perché con certe idee siamo finiti nei guai...". E sulle primarie: "Io sono l'unico segretario al mondo che chiede primarie vere, non ho paura delle primarie". Il big bang promesso dai leopoldini, per lo meno dal punto di vista mediatico, c'è stato. Se si aggiunge che sul sindaco di Firenze sono piovuti complimenti espliciti dal Pdl, l'effetto sorpresa si può dire raggiunto. Spiega il capogruppo del Pdl Fabrizio Cicchitto che dalla Leopolda è arrivato un "messaggio caratterizzato da forti elementi di novità", per la "prima volta dall'interno del Pd emerge un progetto politico programmatico che cerca di andare davvero oltre il Novecento", oltre "lo scontro sul berlusconismo e l'antiberlusconismo". E chiude con un invito ad Angelino Alfano a darsi da fare col Pdl per farne "un partito democratico e strutturato sul territorio".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari